Archivio

70° Anniversario della Liberazione . Una via della città sarà intitolata a Géza Kertész, lo”Schindler di Catania

Il prossimo 25 aprile, in occasione 70° anniversario della Liberazione, il sindaco Bianco per ricordare i personaggi più importanti dell’Olocausto, ha deciso che una via della città sarà intitolata a Géza Kertész lo “Schindler di Catania”, l’Auditorium del Palazzo della Cultura a Concetto Marchesi e la Sala lettura della Bilioteca “Vincenzo Bellini” a Carmelo Salanitri.
L’intitolazione ufficiale della via dedicata a Kertész avrà luogo nella prossima riunione della Commissione Toponomastica del Comune composta dai professori Antonio Di Grado, Lina Scalisi, Enrico Iachello e dai consiglieri comunali Sebastiano Anastasi, Antonino Vullo e Giovanni Marletta. Invece l’intitolazione a Marchesi e Salanitri sarà proposta dell’assessore alla Cultura Orazio Licandro.
Géza Kertész, ex allenatore ungherese della squadra rossazzurra degli anni trenta del secolo scorso, durante il secondo conflitto mondiale si era distinto per aver salvato decine di ebrei e partigiani ungheresi dai campi di sterminio nazisti. Kertész fu poi arrestato dalla Gestapo e fucilato pochi giorni prima della liberazione di Budapest.
Concetto Marchesi, docente catanese e Rettore dell’Università di Padova, dopo essersi rifugiato in Svizzeraper la sua avversione alla Repubblica di Salò, dopo la guerra contribuì alla redazione del testo della Costituzione Repubblicana, per poi divenire deputato del Pci nella I e nella II Legislatura.
Carmelo Salanitro, fu un attivo sostenitore del movimento antifascista, prima come consigliere alla Provincia di Catania per il Partito Popolare, poi come semplice insegnante di latino e greco. Salnitro si distinse per il suo lavoro di informazione antifascista, ma una volta scoperto fu consegnato alle autorità naziste e deportato prima al Campo di concentramento di Dachau, poi in quello di Mauthausen dove tra il 23 e il 24 aprile 1945 fu ucciso in una camera a gas all’età di anni.

Inoltre, sara possibile visitare i seguenti  musei catanesi nei seguenti orari
Castello Ursino (ingresso a pagamento) ore 9 ,00-23,00, ultimo biglietto ore 22,00;
Palazzo della Cultura (ingresso libero) ore 9,00-13,00;
Museo Emilio Greco (ingresso a pagamento) ore 9 ,00-13,00;
Casa natale Vincenzo Bellini (ingresso a pagamento) ore 9 ,00-13,00;
Chiesa Monumentale di S. Nicolò l’Arena (ingresso libero) ore 9 ,00-13,00.

Cettina La Fata

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto