Cronaca

Aci Bonaccorsi, ha confessato l’omicida di Angelina Cantarella

Angelina Cantarella

Aci Bonaccorsi. Lo scorso 20 giugno, alle ore 14.00, a seguito di segnalazione pervenuta dai congiunti della Signora Cantarella Angelina, 76enne di Aci Bonaccorsi (CT),  nubile, pensionata, la quale non rispondeva alle numerose telefonate fatte dai familiari, i Carabinieri della Stazione di Viagrande (CT) hanno rinvenuto il corpo senza vita dell’anziana donna, riversa per terra all’interno di un casolare ubicato in Via Vittorio Veneto 95, di sua proprietà, dove la stessa era solita coltivare la terra. Sul luogo si è provveduto ad effettuare, con l’ausilio del personale specializzato della Sezione Investigazioni Scientifiche di Catania, i primi accertamenti urgenti, trasferendo la salma all’Ospedale Garibaldi di Catania per l’ispezione cadaverica disposta dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania.

Gli accertamenti medico legali, supportati dagli accurati e minuziosi rilievi tecnici, hanno consentito di escludere immediatamente possibili ipotesi di morte accidentale. L’acume investigativo dimostrato dai militari della Stazione di Viagrande ha consentito di acquisire rapidamente tutte le immagini registrate  dalle telecamere del circondario le quali hanno permesso di individuare un giovane ripreso proprio mentre esce dall’abitazione della donna intorno alle ore 18.00 di sabato 19 giugno. Indagando sul nucleo familiare ele persone maggiormente vicine alla vittima, i militari hanno isolato ed evidenziato in particolare la figuradi Cardos Florin, romeno incensurato classe ‘90, residente a Trecastagni (CT) ma di fatto domiciliato in un’abitazione di proprietà di un nipote della vittima, molto vicino al familiari della defunta Cantarella in quanto persona che era solita svolgere dei lavori a favore degli stessi. La fisionomia e l’andatura del giovane romeno erano molto simili a quelle della persona ripresa dalle telecamere così  l’immediata perquisizione eseguita nell’abitazione del sospettatoha consentito di rinvenire le chiavi dell’abitazione e dell’autovettura della vittima, abilmente occultate, alcuni indumenti intrisi di sangue umano, un paio di orecchini ed un portafoglio di dubbia provenienza.

Il Pubblico Ministero – Dott. Angelo Brugaletta – titolare dell’indagine, dopo aver interrogato il predetto alla presenza del difensore nella notte tra il 21 e il 22 giugno, ne ha disposto il fermo di indiziato di delitto, nonostante egli continuasse a negare di essere l’autore dell’omicidio dell’anziana.

Dopo la notifica del decreto di fermo,  il Cardos spontaneamente ammetteva le proprie responsabilità sia davanti ai Carabinieri di Viagrande sia davanti al P.M. che lo interrogava nuovamente alla presenza del difensore, confessando  anche di aver rubato circa 2000 euro e una carta Bancoposta all’anziana donna.

Dopo le formalità di rito, il fermato è stato associato al carcere di Catania Piazza Lanza in attesa dell’udienza di convalida.

Il Cardos dovrà rispondere dei delitti di omicidio pluriaggravato e di furto in abitazione.

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto