Archivio

Aci Trezza. Conclusa la festa della Madonna della Buona Nuova

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Con il tradizionale ed originale spettacolo pirotecnico, con fuochi a mare, si è conclusa ieri, domenica 6 settembre 2015, la due giorni di festa in onore della Madonna della Buona Nuova.
Festeggiamenti che hanno come sempre rispettato la tradizione nell’ambito di un programma, ormai definito da diversi anni, ricco di celebrazioni, di processioni e di appuntamenti artistici e culturali, registrando la consueta notevole presenza di fedeli e di visitatori provenienti dall’intera provincia etnea.
Una festa che, anche quest’anno, ha vissuto i suoi momenti clou sabato pomeriggio con la svelata del simulacro di Maria Santissima e la trionfale uscita dopo la Santa Messa, per la processione che ha interessato le vie a sud del paese conclusa con la gioiosa corsa finale del fercolo, e domenica con la celebrazione solenne ed il corteo di barche fino al faraglione grande dove si è tenuta la preghiera e l’omaggio floreale alla statua della Madonna ausiliatrice, ed il prosieguo del giro della “vara” che ha raggiunto la parte nord del borgo marinaro con la sosta nella chiesa di Santa Maria La Nova.
La festa mariana è stata anche l’occasione per rinnovare il consueto appuntamento con la suggestiva luminaria sul faraglione grande, tradita dal vento nel primo giorno, ma che ha splendidamente illuminato il cielo trezzoto nella serata di domenica, diventando in pochissime ore un gettonatissimo “bersaglio” per obiettivi fotografici e per originali selfie dalla terra di trezza.
A completare i festeggiamenti che chiudono la stagione estiva trezzota, riuscita perfettamente in ogni suo momento, è stato anche il cartellone delle manifestazioni artistiche con il recital di evangelizzazione “Sorridi e condividi”, il “Gala internazionale di danza”, la commedia dialettale “U picciuni viaggiaturi” ed il Festival della canzone “Città di Aci Trezza”.
Il mese dedicato alla Madonna della Buona Nuova, adesso, proseguirà con altri due appuntamenti in chiesa (martedì 8 per la festività della Natività di Maria, martedì 15 in occasione del 21° anniversario di sacerdozio del parroco don Giovanni Mammino) e la celebrazione in onore San Pio presso la stele di via Marina il 23, mentre domenica 27 dopo la messa delle 19 l’antico simulacro “da Madonna ‘a Nova” verrà riposto nella sua cappella posta nella navata laterale della chiesa madre.
“Anche quest’edizione della festa della nostra Compatrona va in archivio con un grande successo – afferma il governatore della Commissione Giovanni Valastro. Ringrazio i trezzoti ed i numerosi visitatori che, come sempre, non hanno fatto mancare un generoso contributo per l’ottima riuscita dell’evento, ma un grazie di cuore va anche all’amministrazione comunale ed alle forze dell’ordine, oltre ai componenti della Commissione, che si sono prodigati affinchè tutto riuscisse nel modo migliore così come è stato.”

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto