Archivio

Adrano. Torna la raccolta differenziata porta a porta

Immagine principaleAdrano. Dopo quasi due anni di stop, risalente alla rescissione del contratto con l’azienda Dusty, torna ad Adrano il servizio di raccolta differenziata porta a porta. Lasciate alle spalle le non felici esperienze con le ditte Eco Burgus e Geo Ambiente, la gestione nel comune sembra avere raggiunto una stabilità con la Roma Costruzioni, attrezzatasi con i mezzi ed i turni che, di concerto con l’ufficio tecnico del comune, garantiranno la raccolta per 7 giorni su 7. Da lunedi 13 luglio, in tutta l’area del comune già servita dalla raccolta domiciliare, entrerà in vigore il nuovo calendario:

Lunedi – Umido e indifferenziata

Martedi – Plastica

Mercoledi – Carta e Cartone

Giovedi – Umido e indifferenziata

Venerdi – Vetro

Sabato – Umido e Indifferenziata

Domenica – Lattine

Il calendario tiene conto di una programmazione provvisoria, difatti per il momento i rifiuti organici e quelli indifferenziati andranno nello stesso sacchetto, in attesa di uno sblocco negli impianti di gestione dell’umido in Sicilia. È importante tenere conto del fatto che le giornate si riferiscono al giorno di raccolta, ma i rifiuti vanno esposti davanti la propria abitazione la sera precedente dalle 20:00 alle 23:00, in quanto le prime squadre di operatori ecologici saranno attive già dalle 24:00. Al momento non saranno forniti sacchetti e contenitori agli utenti, che dovranno utilizzare i propri.

Normalizzata anche l’apertura del Centro Comunale di Raccolta di contrada Difesa Mulini, che dal lunedi al sabato sarà aperto dalle 9:00 alle 12:00 per la ricezione dei rifiuti differenziati (che saranno pesati, per offrire lo sgravio in bolletta per l’utente) e dei rifiuti ingombranti. Ripristinato anche il servizio di raccolta domiciliare di rifiuti ingombranti (materassi, mobili, poltrone ecc) ed elettronici (frigoriferi, Tv, lavatrici, computer ecc), prenotabile chiamando il numero 095 760 6623.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto