Sport

Al Catania il derby con la Sicula Leonzio

Grazie ad un calcio di rigore battuto dallo specialista Lodi il Catania batte la Sicula Leonzio aggiudicandosi il derby siciliano valevole per la terzultima giornata del campionato di serie C.

Reduce dall’inopinata sconfitta di Brindisi contro la Virtus Francavilla, Novellino schiera una formazione iniziale molto “matura” considerando che in campo c’è il solo Manneh ad abbassare una età media che va oltre i 30 anni con i rientri di Marotta e Sarno in attacco dal primo minuto e la conferma di Llama come interno di centrocampo ma, nonostante ci si attenda un avvio straripante dei rossazzurri, la prima frazione di gioco scorre via senza particolari emozioni eccezion fatta per uno scambio al limite dell’area di rigore lentinese tra Sarno e Marotta che porta quest’ultimo alla conclusione a rete respinta dal portiere ospite.

Nella ripresa l’episodio che decide la gara quando Sarno premia una discesa in area di Calapai servendolo con un bel passaggio filtrante: l’esterno, appena entrato in area viene atterrato dalla retroguardia bianconera e  l’arbitro sanziona il fallo con la massima punizione.

Calcio di rigore trasformato dal solito Lodi e Catania che sblocca il risultato nella ripresa come spesso accaduto in questa stagione. Siamo al 51esimo e per i restanti 40 minuti il Catania si limita a gestire il vantaggio grazie anche ad una difesa ben guidata da Esposito, autore di una splendida gara che, forse, lo porta in vantaggio rispetto a Silvestri nelle gerarchie del centrale da schierare accanto ad Aya. Ottimo anche il rientro di Biagianti, con il capitano che ha fornito la solita prestazione di cuore e grinta mentre Sarno e Llama hanno dimostrato che hanno bisogno di stare in campo per migliorare la propria condizione atletica e fisica.

Nel complesso, pur essendo in periodo di resurrezione, il Catania sembra ancora afflitto da una patologia che non lo rende libero di giocare serenità e le prossime due partite di campionato serviranno proprio ad ottimizzare al massimo le risorse necessarie per affrontare al meglio i playoff.

A fine gara Novellino si è detto soddisfatto per quanto visto e tutto il popolo rossazzurro sembra aggrapparsi alle parole del mister per acciuffare ciò che da oggi a Castellammare di Stabia festeggiano con merito…

In alto