Sport

Alfa Catania- Viola Reggio Calabria 88-82

L’Alfa Catania mette la “quarta” vittoria in serie B con lo spirito di squadra giusto per raggiungere la salvezza

Impresa liberante psicologicamente dell’Alfa Catania nella sfida casalinga con la Viola Reggio Calabria, valevole per il ventunesimo turno dell’odierno campionato di Serie B girone D.  

Questa volta la vis agonistica della squadra di Massimo Guerra dura fino alla fine, riuscendo a rintuzzare l’ultima reazione reggina con i provvidenziali tiri da tre di Provenzani e Gatti, quest’ultimo mvp della partita con una prestazione fatta di 13 punti (50% al tiro), 8 rimbalzi, 3 assist, in 33minuti.

Il primo quarto ha visto le due contendenti andare punto a punto fino alla tripla di Sirakov  del 21-17 (9 punti con 4/7 al tiro per il bulgaro) che ha costretto coach Mecacci a chiamar il primo time-out della partita a meno 3.13 dalla prima sirena. Super Agosta, perfetto al  tiro dalla lunga distanza (2/2)  ed anche in versione assistman per Sirakov e Gatti, allarga il divario fino al 26-18 di fine periodo.

Il secondo quarto segna lo stringersi delle maglie difensive e il lento quanto inesorabile recupero della Viola, grazie all’immarcabile Falluca (alle 3 triple del primo quarto aggiunge altri 4 punti) ben aiutato da Carnovali (6 pt) e Paesano (5 pt.), fino al libero di Alessandri che segna il sorpasso ospite sul 34-33.

Provenzani (6 pt) permette all’Alfa di ripassare avanti  con una bella penetrazione a  canestro coast to coast premiata  dal tiro libero aggiuntivo (36-35); quand’ecco  dalla panchina il prezioso contributo di   Florio (4 pt.)  ad aprire il break di 9-1  complice l’infortunio di Falluca, portare l’Alfa alla pausa lunga sul 45-38 ( Florio chiude in difesa con una bella stoppata).

Il terzo periodo vede prevalere gli attacchi sulle difese (25-20 Alfa): apre il  4-0  siglato Paesano- Carnovali; risponde Agosta con un bel movimento in attacco che manda al “bar” il difensore (2 +1); replica Fall in versione assistman per Agbogan. Poi salgono in cattedra Sirakov con una bella conclusione in entrata alzando la parabola (8pt. col 75% dal campo e 2 assists per Provenzani e Sadi), e Gatti reattivo a rimbalzo d’attacco che converte a canestro e poi concludendo a rimorchio un’azione corale che frutta pure il tiro libero aggiuntivo. La Viola resta aggrappata alla partita grazie a Carnovali (due triple) ed al duo Fall-Agbogan. Consoli segna il 70-58 di fine quarto con un tiro stoppato irregolarmente.

L’ultimo quarto vede crescere l’intensità della difesa calabrese che riesce a tenere  Sirakov all’asciutto di punti, ma l’Alfa pare aver imparato a soffrire, così trova punti da Agosta (2+ 1 assist),  Gottini in penetrazione, e Provenzani 76-65 a -6.54 dalla fine. La Viola piazza un break  firmato da Paesano e Carnovali di 9-0 che riapre la partita in un amen. Sadi risponde da sotto le plance, Carnovali piazza la tripla del -1 con la quale si arriva agli ultimi temutissimi tre minuti e mezzo. La provvidenza assiste il tiro da tre di Provenzani, Carnovali dimostra di esser “ umano” pestando la linea laterale col pallone in mano. Il reattivo Gatti mette la partita in cassaforte conquistandosi due punti dalla lunetta e poi segnando un tiro da tre che vale “oro” 86-79 . Florio stoppa Nobile,  -1.57, mamma butta la pasta? Carnovali segna un’ulteriore tripla, Sirakov ha le polveri bagnate, fortuna per l’Alfa che il tiro del meno 1 scoccato ancora da Carnovali è sputato dal ferro! Provenzani sigla il 2/2 ai liberi per il conclusivo 88-82.

Pietro Benina

In alto