Eventi

Alla scuola Cavour di Catania va in scena “Bellini tra i giovani”

 Riceviamo e pubblichiamo integralmente
La “Sonnambula”, “La Straniera”, “ I Puritani” e “Il Pirata”. La sala “Turi Ferro” dell’istituto comprensivo “Cavour” diventa un palcoscenico ideale per avvicinare centinaia di studenti alle composizioni del “Cigno di Catania”. Suoni, atmosfere ed emozioni resi possibili grazie all’iniziativa del Direttore Artistico ed ideatore del progetto “Bellini tra i giovani” il Tenore Salvatore Emanuele Samperi. Una iniziativa portata avanti sotto l’alto patrocino del comune di Catania. “ Si è trattato di un’occasione imperdibile che ha saputo mettere a confronto giovani musicisti con grandi artisti di fama internazionale- sottolinea la dirigente Maria Leonardi– il nostro istituto possiede un’orchestra da oltre vent’anni e da allora rappresenta per migliaia di ragazzi un’occasione formidabile dove mettere in mostra tutto il proprio talento. Vederli oggi, in questa sorta di confronto diretto, dove i giovani artisti hanno saputo divulgare con tale passione il genio compositore di Vincenzo Bellini è stata un’esperienza che non si può descrivere a parole”. Accanto a lei, la professoressa Laura Torrisi che ha curato l’organizzazione dell’evento alla “Cavour” in ogni minimo particolare. I cantanti che si sono alternati sul palco sono tutti allievi deiprofessori Pina Sofia e Filippo Piccolo: Ludovico Bruno, Claudia Ceraulo, Riccardo Bosco, Margherita Aiello, Ausilia Arrigo, Gianluca Failla, Lucia Fisichella, Manuela Infalletta, Dario Pometti e Miriam Carsana. Maestri di pianoforte Giulia Russo e Alessandro Zerilli. “ Si tratta di una manifestazione che ha messo a confronto il potenziale di decine di giovani artisti creando un’armonia da cui bisogna partire per costruire le eccellenze deldomani– dirà a fine concerto il dottor Salvatore Emanuele Samperi– il frutto di una operazione costante e duratura che ha visto in prima linea il Teatro Bellini di Catania, l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini”, il Museo Belliniano, il liceo musicale “Turrisi Colonna”, l’istituto “Musco” e l’Università di Catania”.
 
In alto