Archivio

Allerta meteo: Bianco indice riunione su emergenza pioggia abbattutasi su Catania – di Ornella Fichera

pioggia

Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha presieduto a Palazzo degli elefanti una riunione per discutere sull’eccezionale pioggia caduta mercoledì 21 ottobre: in sole 9 ore sono caduti sulla città 225 millimetri di pioggia, che ha provocato gravi disagi ai catanesi e danni in città e nei Comuni vicini. La situazione a Catania è stata fronteggiata grazie all’intervento di centinaia di persone, dipendenti comunali e delle Partecipate, volontari della Protezione civile e naturalmente le Forze dell’Ordine e i Vigili del Fuoco. Lodevole anche l’impegno di cittadini e cittadine encomiabili che di fronte alle difficoltà si sono rimboccati le maniche e hanno dato una mano.
Nel corso della riunione è stato evidenziato come l’emergenza non fosse stata indicata in maniera adeguata al Comune, che aveva ricevuto “solo” una segnalazione gialla di attenzione per il rischio idraulico (piogge) e una arancione di preallarme per il rischio idrogeologico (frane e smottamenti).
Proprio il giorno prima della bomba d’acqua Bianco aveva sollevato a livello nazionale il problema degli allerta meteo, parlandone a Roma in Conferenza unificata, come presidente del Consiglio nazionale dell’Anci.

«Si è parlato – ha ricordato Bianco – della necessità di prendere atto del mutamento climatico e delle conseguenze della cementificazione selvaggia, ma soprattutto di quanto sia indispensabile migliorare il sistema dell’allerta e delle previsioni, differente da regione a regione, per dar vita a un codice di comportamento comune in grado di aiutare i Sindaci a garantire la sicurezza dei propri cittadini».

Bianco ha rilevato la necessità di migliorare anche a livello locale un sistema rivelatosi largamente imperfetto, che ha portato, dall’inizio dell’anno, alla diffusione a Catania di 69 allerta con indicazioni a volte contrastanti. Inoltre, i danni e i disagi subiti da Catania avrebbero potuto essere considerevolmente inferiori se fosse stato in funzione il Canale di gronda, opera incompiuta che potrebbe mettere in sicurezza la città ed i comuni dell’hinterland.
Al fine di far sentire la propria voce al riguardo, il sindaco Bianco ha anche inviato una lettera aperta al premier Matteo Renzi, in cui ha ribadito la necessità di uniformare in tutte le regioni il sistema di allerta della Protezione civile, di creare infrastrutture per contrastare il dissesto idrogeologico e soprattutto di realizzare il prima possibile a Catania l’indispensabile Canale di gronda.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto