Cultura

ANPI Sicilia: “ribadiamo la nostra contrarietà alla manifestazione razzista a Catania del 9 giugno”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

ANPI Sicilia sostiene l’attività delle navi  delle ONG che, presenti in maniera  importante in diversi porti della nostra regione, in diretta sinergia con gli organi istituzionali nazionali e in rispetto dei valori deliberati dalla nostra Costituzione e dalle norme internazionali, effettuano nel mare Mediterraneo incessante attività umanitaria e di attiva solidarietà per salvare donne, bambini e uomini che fuggono dalle aree di guerra, dall’ estrema privazione sociale e dalla desertificazione ambientale. 
A seguito delle scelte repressive assunte dagli Stati della  “ fortezza” Europa, non sussistendo vie ufficiali di ingresso in Italia e nel continente europeo, i profughi e i rifugiati sono costretti a sottostare alle condizioni di violenza e sfruttamento imposte dalle organizzazioni criminali, forzandoli ad effettuare la traversata marina tramite vetuste e pericolosissime imbarcazioni. Molte migliaia di esseri umani sono morti annegati.
Nel corso degli ultimi mesi le navi umanitarie sono state sottoposte a efferati attacchi da parte di forze politiche che privilegiano l’intolleranza, la discriminazione e l’odio contro gli Umani che si trovano in gravissime difficoltà, rispolverando vecchie ideologie e pratiche razziste che tanti drammi e dolori hanno provocato in Italia durante la dittatura fascista.
Ribadiamo la nostra assoluta contrarietà alla manifestazione di giorno 9 giugno predisposta a Catania da una organizzazione denominata “ Generazione Identitaria”, di stampo razzista, contro l’azione di soccorso delle navi delle ONG. Già nella notte del 12 maggio nel porto di Catania ha messo in opera, assieme ad alcuni fascisti venuti dall’Austria, un’azione di gravissima provocazione, tentando di fermare con un gommone la nave Aquarius di SOS Mediterranèe in partenza per un’operazione di salvataggio.   

Coordinatore regionale ANPI SICILIA
Ottavio Terranova

In alto