Cultura

Appello per una immediata moratoria degli sfratti esecutivi e dell’ uso della forza pubblica

Il Comitato Rodotà per la difesa dei beni pubblici e comuni, considerata la
situazione di grave emergenza creatasi a seguito della pandemia del Virus
Covid 19 chiede formalmente al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte,
l’immediata sospensione tramite DPCM degli sfratti esecutivi e dell’uso della
forza pubblica a tal fine deputata, dando applicazione dei principi di
solidarietà che informano la nostra Costituzione, nonchè dell’Art. 32.
Lasciare nuove famiglie senza tetto o affollare i dormitori sarebbe infatti una intollerabile lesione del bene comune salute pubblica. In un momento in cui tramite DPCM sono stati sospesi in nome della emergenza diritti fondamentali quali assemblea e movimento, diviene più che mai importante utilizzare lo stesso strumento di azione immediata per bilanciare la proprietà privata (mero diritto economico) con il bisogno abitativo, dando concretezza alla funzione sociale che la limita ai sensi dell’ Art.42 Costituzione.
(per firmare l’appello scrivere a comitatorodota@gmail.com)
Primi firmatari
Ugo Mattei; Alberto Lucarelli; Daniela Di Sabato; Raffaele Di Raimo; Marisa
Meli; Luca Nivarra; Lorenzo Fazio; Luca Nivarra; Carlo Alberto Graziani;
Adalgiso Amendola; Francesco Astone; Sergio Galbiati; Lorenzo Montaldo;
Vittorio Occorsio; Alessandra Quarta; Giuseppe Mastruzzo; Mario Esposito;
Renato Briganti; Maddalena Semeraro; Camilla Crea; Enza Pellecchia; Antonio
Gambaro; Eugenio Barcellona; Pasquale Femia; Giacomo Marramao; Maria
Rosaria Marella; Andrea Di Porto; Eugenio Bevilacqua; Elio Mungo

In alto