Gustovagando

Arancino o arancina? Arriva la gara della bontà

PALERMO – Una gara culinaria che vede contrapposte Catania e Palermo sul prodotto culinario dal nome più discusso dell’isola: l’arancino/a. 

Se la guerra sul nome non cessa e si ripropone periodicamente, specie sui social, a provare a sancire il campione di gusto è il giornale enogastronomico “Cronache di gusto” che propone, il prossimo 12 dicembre. un vero e proprio derby. 

Presso la Sala Belle Epoque del Grand Hotel Villa Igiea di Palermo sarà scelta la città che crea l’arancino (o arancina) più buono. A rappresentare la città di Catania saranno i locali Scollo (negozio di gastronomia), Spinella (noto bar del centro) e Stella (storica friggitoria). Per Palermo i locali saranno selezionati con una gara lanciata sui social attraverso l’hashtag #arancinaday2017.

La gara, che non è aperta al pubblico, si terrà alle 13 del 12 dicembre. Sarà possibile seguirne le varie fasi grazie ad una diretta sui canali social del giornale organizzatore. 

Ogni locale in gara presenterà gli ingredienti utilizzati e preparerà le arancine e gli arancini al burro che saranno valutate o valutati da una giuria formata dai catanesi Andrea Graziano, patron di Fud e Carlo Sichel, chef e dai palermitani Gianfranco Marrone, semiologo e docente universitario e Carmelo Trentacosti, chef di Villa Igiea insieme a Carlo Passera, giornalista di Identità Golose che farà il presidente del gruppo.

Al termine della gara sarà proclamata la città vincitrice. Senza indugio noi tiferemo per l’arancino della nostra Catania. E voi?

 

 

In alto