Cronaca

Assalto ad un tir carico di generi alimentari, bottino recuperato e banda di rapinatori in manette

Catania. La polizia di Stato ha arrestato gli elementi di una banda specializzata in rapine ai mezzi pesanti. In manette sono finiti: 1. Pollicano Campisi Felice, (cl.1981), pregiudicato; 2. Messina Massimo, (cl. 1972), pregiudicato; 3. Alonzo Fabio, (cl. 1982), pregiudicato; 4. Bonaccorso Diego, (cl. 1975), pregiudicato; 5. Nigito Antonio, (cl. 1975), pregiudicato; 6. Moschitta Rosario, (cl. 1966), pregiudicato, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di rapina aggravata e sequestro di persona.

Nella serata di ieri un autotrasportatore che aveva con se un carico di generi alimentari, appena prelevato da un’azienda di trasporti sita nella zona industriale di Catania, è stato bloccato e derubato del mezzo all’altezza dello svincolo di San Giorgio, nella tangenziale di Catania. L’auto-articolato è stato trasferito dai malviventi presso un deposito sito in località Acicastello – frazione Cannizzaro, cosi come indicava l’antifurto satellitare dell’auto di uno dei rapinatori, tenuto sotto controllo proprio perchè risultato sospetto da un’indagine info-investigativa. All’arrivo degli agenti il mezzo pesante si presentava con i portelloni posteriori aperti e ben quattro soggetti, Bonaccorso, Nigito, Pollicano e Moschitta, si attivavano per effettuare le operazioni di scarico, a mezzo di un sollevatore elettrico, delle pedane di merce alimentare in esso contenute, temporaneamente poggiate per terra. Da un controllo all’interno della cabina del TIR, si riscontrava la presenza di un disturbatore elettronico per radiofrequenze, a batteria, in funzione, poggiato sul cruscotto, comunemente noto come “jammer” in grado di inabilitare i sistemi satellitari antirapina. All’interno del deposito, riconducibile a Moschitta, veniva rinvenuta numerosa altra merce alimentare, provento di altre rapine ai danni di autotrasportatori. Pertanto il deposito veniva posto sotto sequestro. Nel frattempo gli uomini della “Antirapine” riuscivano a bloccare in località Giarre, nei pressi dello svincolo autostradale A/18, altri due componenti del gruppo, Messina e Alonzo, i quali avevano sequestrato un dipendente della ditta conducente dell’autoarticolato, che era stato costretto a salire a bordo della loro autovettura per essere condotto in località lontana dall’evento delittuoso e ivi rilasciato. I generi alimentari rinvenuti all’interno del TIR, del valore di 100.000,00 euro circa, sono stati riconsegnati al legittimo proprietario. E’ in fase di accertamento l’individuazione delle aziende cui è stato rapinato il materiale (generi alimentari, etc.) rinvenuto all’interno del deposito di Cannizzaro, per un valore di almeno 500.000,00 euro. Espletate le formalità di rito, gli arrestati sono stati associati presso la Casa circondariale di Catania “piazza Lanza” a disposizione dell’A.G.

PER RESTARE AGGIORNATI SULLE NOTIZIE SI PUÒ SEGUIRE LA GAZZETTA CATANESE.IT ANCHE SU FACEBOOK, CLICCANDO QUI.

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto