Archivio

Associazione mafiosa. Nipote del boss Laudani condannato a 12 anni

2 in manette

Catania. Nella giornata di ieri, la Squadra Mobile della Questura di Catania ha tratto in arresto Laudani Sebastiano (1983) in esecuzione dell’ordine di carcerazione della Procura della Repubblica di Catania, dovendo espiare espiare la pena di anni 12 e mesi 4 di reclusione per il reato di associazione mafiosa.

Laudani Sebastiano è considerato un elemento di rango apicale dell’omonima cosca mafiosa (il clan Laudani, conosciuto anche come i “mussi di ficurinia”) in quanto nipote del capo-bastone LAUDANI Sebastiano (cl. 1926), e figlio di Santo, assassinato il 22 agosto 1990, all’interno della sua macelleria nel quartiere Canalicchio nel corso della guerra di mafia che in quegli anni imperversava a Catania. Non a caso, l’uomo partecipava al summit mafioso tenutosi l’8 ottobre del 2009 in rappresentanza della sua famiglia, ai quali l’organizzazione Santapaola – Ercolano si era rivolta per ottenere l’appoggio in caso di guerra o per un aiuto nella ricomposizione del conflitto con il clan Cappello – Bonaccorsi. Espletate le formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Catania “Bicocca”.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

 

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto