Politica

Aumenti Sostare, una ricapitalizzazione con i soldi dei cittadini.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Dopo diverse settimane di schermaglie in aula, con numerose sedute a vuoto, e di comunicati stampa, l’aumento della tariffa per la sosta sulle strisce blu è stato approvato dal Consiglio comunale nel nuovo contratto di servizio con la società partecipata Sostare Spa.
Anche questa volta, come a fine anno con l’approvazione del bilancio, la delibera è passata perché non è mancato il numero legale: i votanti sono stati soltanto 18 (con 2 astenuti), il minimo di presenze per dichiarare valida la seduta.
A conclusione dei lavori, Amministrazione e consiglieri hanno fatto dichiarazioni contrastanti, ma con l’unico obiettivo di attribuirsi meriti per la “vittoria” dell’approvazione  del nuovo contratto: qualcuno si è vantato di avere fatto ridurre le multe per  i tagliandi scaduti da meno di un’ora o di avere fatto abbassare da 20 euro a 18,56 il costo dell’abbonamento mensile per i residenti, e via dicendo.
Nessuno, però, ha affrontato il problema guardando alla realtà dei fatti. Dal dibattito è stato escluso l’unico argomento che meritava di essere approfondito: il conto economico di Sostare Spa, che con questa delibera mette a carico dei cittadini catanesi un costo di 300.000 euro per sanare il bilancio 2014, si è chiuso in negativo per eccesso di costi o per difetto di ricavi?
In una società privata, prima di mettere mano alla copertura delle perdite e alla eventuale ricapitalizzazione, si fanno delle analisi per capire se si possono aumentare i ricavi (se il mercato lo permette) o se si deve operare sul versante dei costi, riducendoli; in mancanza di alternative, la società si scioglie.
In una società a capitale pubblico, quale Sostare Spa, la soluzione è più facile: ci si rivolge all’Ente proprietario per ricapitalizzare (con i soldi dei cittadini) perché, in fondo, il dibattito fra Amministrazione e Consiglio non si incentra sulla attendibilità del conto economico e su possibili soluzioni interne della partecipata (oggi, per dirla con una espressione in voga, che serve a fare volatilizzare i risparmi di una vita, si direbbe bail in) ma su come fare apparire necessaria una soluzione che mette mano nelle tasche dei cittadini.
A tal proposito, ricordiamo che il Collegio Sindacale della società Sostare Spa (asseverazione ex art. 6, comma 4, del D.L. 95/212, redatta l’8/1/2016dall’organo di revisione contabile del Comune di Catania, Prot. 157/REV) non ha nemmeno certificato la discordanza nei rapporti debitori/creditori con l’Ente proprietario.
In definitiva, si è discusso in Consiglio Comunale sul ripianamento della perdita di Sostare Spa senza avere cognizione sulla attendibilità dei valori espressi nel bilancio.

Meetup Catania5stelle.it

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto