Archivio

Autostrade del mare: al via la nave veloce Catania-Genova per trasporto quotidiano merci

A cura di Ornella Fichera

Pare che il grave problema del crollo del viadotto Himera e l’interruzione dell’autostrada Catania-Palermo si sia mutato in una opportunità: quella di rafforzare e migliorare i collegamenti via mare tra la Sicilia ed i porti e mercati del nord Italia. Durante la conferenza stampa svoltasi stamattina a Palazzo degli Elefanti, Guido Grimaldi, direttore commerciale dell’omonimo gruppo navale, ha annunciato che la compagnia attiverà a partire dalla settimana prossima nuovi collegamenti commerciali quotidiani tra il porto di Catania e quelli di Genova e Livorno, per consentire ad autotrasportatori e imprese del Distretto del Sud Est siciliano di affrontare meglio la drammatica emergenza nella viabilità. In particolare, le derrate alimentari e i prodotti vitivinicoli potranno raggiungere con tempestività i mercati italiani ed europei senza dover più raggiungere, prima, il porto di Palermo. La richiesta di una velocizzazione dei trasporti via mare era emersa dai due tavoli tecnici indetti dal Comune di Catania e dall’Autorità portuale, che hanno coinvolto imprese e mondo dell’autotrasporto: questi hanno chiesto navi veloci capaci di portare in 24 ore fino a Genova e ai porti del nord le merci su gomma. Gli armatori hanno subito risposto positivamente, tant’è che la Compagnia Grimaldi ha messo subito a disposizione una nave capace di trasportare fino a 180 mezzi pesanti in un tempo di 22 ore molo-molo.

Secondo il sindaco di Catania Enzo Bianco ed il Commissario dell’Autorità portuale Cosimo Indaco questi nuovi collegamenti «daranno la carica alla forza produttiva del Distretto del Sud-Est. Il porto di Catania, con la nuova darsena, è ormai pronto alle sfide del futuro che vedranno lo scalo marittimo etneo non solo come punto di riferimento della crocieristica internazionale, ma anche come volano dell’economia siciliana».

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto