Archivio

Autovelox, quando il mezzo diventa il fine

autovelox_Catania

autovelox_CataniaCatania. Chi frequenta la circonvallazione di Catania lo sa bene, ci sono diversi punti in cui non è raro incappare in una pattuglia della Polizia Municipale che, munita di autovelox, accerta eventuali infrazioni al limite di velocità che, trattandosi di strade urbane, è di 50 km/h. Fin qui tutto bene, è sacrosanto che gli agenti facciano il proprio lavoro. Dove sta allora il problema? Come è possibile notare dalla foto, nella maggioranza dei casi (per non dire sempre), l’autovelox viene posizionato all’interno del furgoncino ed il furgoncino viene parcheggiato sul marciapiedi.

A questo punto ci chiediamo: è lecito, per accertare l’infrazione di un articolo del codice della strada (nella fattispecie l’art. 142 che stabilisce i limiti di velocità), violarne un altro (nella fattispecie l’art. 158 comma h che vieta la sosta e la fermata sui marciapiedi)? A nostro parere no, in questo caso la sanzione perde il suo significato educativo e appare come uno strumento che ha un solo scopo: fare cassa.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto