Cultura

Banche: Abi, a Catania cinque giorni di eventi dedicati al territorio

L’iniziativa organizzata dall’Associazione bancaria italiana si svolgerà dal 20 al 24 gennaio: in programma appuntamenti all’insegna dell’arte, educazione finanziaria con Feduf, eventi culturali, momenti di educazione finanziaria, dibattiti fra Istituzioni, rappresentanti del mondo bancario e dei comparti produttivi: queste le iniziative che animeranno la prossima edizione degli Incontri Abi per lo sviluppo del territorio, in programma a Catania dal 20 al 24 gennaio. L’iniziativa Abi, inaugurata nell’autunno 2011 e giunta alla tredicesima edizione, torna in Sicilia dopo la tappa di Messina del gennaio 2013. E, come nelle precedenti occasioni, la città sarà teatro di numerosi eventi, legati da un comune filo rosso: testimoniare e condividere il patrimonio di esperienze, professionalità ed energie che le banche mettono quotidianamente in campo, dialogando con il tessuto economico locale oppure offrendo servizi alla collettività.

Si comincia mercoledì 20 con l’apertura al pubblico della mostra Terre da sfogliare Arte, storia e territorio della Sicilia attraverso i libri delle banche ospitata dalla libreria Mondadori di via Antonino di Sangiuliano. La rassegna, a ingresso libero, offrirà ai visitatori l’opportunità di ammirare una selezione di testi – provenienti dalla biblioteca Stefano Siglienti dell’Abi, la cui sede è nelle Scuderie di Palazzo Altieri in Roma – che raccontano arte, storia e territorio dell’Isola: circa 150 preziosi volumi a disposizione di appassionati e curiosi sino a domenica 24 gennaio con orario 9.00-20.30 nelle giornate di mercoledì e giovedì e con la possibilità, nel fine settimana, di frequentare la mostra sino a tarda serata (venerdì e sabato si chiude alle 23.45, domenica alle 23.00).

Venerdì 22 sarà il giorno dell’educazione finanziaria: ventidue classi dell’ultimo anno delle elementari e di prima, seconda e terza media, provenienti da istituti di Catania e provincia, vivranno una mattinata diversa, che sposerà una formazione leggera all’esperienza diretta della realtà bancaria. Il Teatro Massimo Vincenzo Bellini si trasformerà in aula collettiva e accoglierà circa 500 alunne e alunni, stimolati in prima battuta da esponenti della Fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio (Feduf), costituita su iniziativa dell’Associazione bancaria italiana, che trasmetteranno ai giovani studenti elementi di educazione alla cittadinanza economica per sviluppare una maggiore consapevolezza del valore del denaro, del suo uso e dell’importanza del risparmio nell’ottica di una cittadinanza attiva e consapevole. La parola passerà poi a Giulio Piccirilli, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano esperto di educazione finanziaria, che inviterà la platea a riflettere sulla funzione delle banche nel finanziare l’economia, sui rapporti tra banche e imprese e su quanto sarebbe differente e molto più complessa la vita quotidiana se le banche non esistessero. Terminata la lezione non senza le immancabili curiosità dei ragazzi che si traducono in domande spesso sorprendenti, le classi saranno accompagnate a visitare alcuni sportelli cittadini e avranno così l’opportunità di vivere una prima esperienza dell’operatività della banca, incontrando le diverse professionalità che operano quotidianamente nelle filiali, a partire dai direttori di sportello.

Sabato 23 gennaio, dalle 9.45 in poi, appuntamento ancora presso il Teatro Vincenzo Bellini  dove si svolgerà l’evento istituzionale che per consuetudine rappresenta il momento clou di ogni Incontro Abi sul territorio ed è occasione di dibattito e confronto fra amministratori, banche e imprese. Dopo i saluti del sindaco di Catania Enzo Bianco e dei rappresentanti delle Istituzioni locali prenderà la parola il Presidente dell’Associazione bancaria italiana Antonio Patuelli, che darà il via ai lavori della mattinata con il suo intervento introduttivo. A seguire una doppia sessione di tavole rotonde, Le banche e il territorio Le banche italiane per il Paese  animate da esponenti del mondo bancario e dell’imprenditoria catanese. Sarà un’occasione di dibattito e testimonianza per fotografare l’attuale congiuntura e ragionare assieme sulle possibilità di una sempre maggior sinergia e vicinanza tra banche e aziende. Chiuderà la mattinata l’intervento del Direttore generale dell’Abi Giovanni Sabatini.

In alto