Politica

Biancavilla. Sostegno Inclusione Sociale: contributi per famiglie disagiate

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Un sussidio per le famiglie che versano in condizione di disagio economico, attraverso il Piano di contrasto alla povertà e di intervento per l’inclusione sociale e il reinserimento lavorativo, predisposto dal Comune di Biancavilla e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.
E’ quanto annunciano il sindaco Pippo Glorioso e l’assessore alle Politiche sociali Rosanna Neri in merito all’attivazione del progetto “Sostegno Inclusione Sociale” (SIA) per superare situazioni economicamente critiche per nuclei familiari con minorenni, figli disabili o donne in stato di gravidanza. Per usufruire del contributo, è indispensabile avere anche un’attestazione ISEE non superiore a 3 mila euro e non godere di altri trattamenti previdenziali e d’aiuto come NASPI e ASDI.
Le famiglie potranno fare richiesta presso il Palazzo comunale, rivolgendosi all’Ufficio di Solidarietà Sociale per compilare i moduli e ricevere ulteriori informazioni rispetto alla propria condizione familiare. Per la presentazione delle istanze non è prevista una data di scadenza, dal momento che si intende soddisfare quante più richieste possibili, esaminate cronologicamente, fino all’esaurimento delle risorse destinate dal Ministero al progetto del Comune.
L’aiuto economico verrà concesso bimestralmente, mediante una carta elettronica, la “social card SIA”, rilasciata dall’INPS alle famiglie in possesso dei requisiti, e sarà determinato in base al numero dei componenti del nucleo familiare: da un minimo di 80 euro per un solo componente ad un massimo di 400 euro.

In alto