Politica

Bronte. Rivoluzionate le deleghe degli assessori

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

In occasione della nomina in Giunta di Vittorio Triscari, (clicca qui per leggere l’articolo) il sindaco, Graziano Calanna, ha messo in atto una rivoluzione nella distribuzione delle deleghe degli assessori, in nome della esigenze di una città moderna. Se molte deleghe sono state accorpate, ne sono state individuate di nuove, come per esempio Sicurezza, Diritti e soddisfazione dei cittadini e Città intelligente e digitale.
“E’ avanti che dobbiamo guardare –afferma il sindaco Graziano Calanna –Siamo al servizio di una cittadina che vuole cambiare ed essere al passo con i tempi”.
Così Nuccio Biuso si occuperà di Politiche giovanili, Servizi al cittadino (ex servizio cimiteriale, servizio idrico integrato, servizio tecnico manutentivo, centro anziani), Servizi interni (ex autoparco, demanio, patrimonio e provveditorato) e Programmazione negoziata.
Francesco Bortiglio di Politiche culturali (ex cultura), Decoro urbano (ex verde pubblico), Sicurezza, Polizia locale e mobilità (ex polizia municipale, trasporto urbano e viabilità), Legalità e diritti dei cittadini (ex contenzioso).
Vittorio Triscari di Attività produttive (ex agricoltura, artigianato e commercio), Gestione del patrimonio storico e culturale (ex teatro, biblioteca, pinacoteca, Castello Nelson e beni culturali ed archeologici), Soddisfazione del cittadino e Semplificazione burocratica.
Antonino Currao di Servizi educativi (ex pubblica istruzione), Rapporti con i sindacati, Ciclo dei rifiuti ed ambiente (ex servizi ecologici e politiche energetiche), Città intelligente e digitale (ex servizi innovativi, comunicazione, sito web, social network, strumenti e-democracy).
Infine il sindaco ha avocato a se i Servizi tecnici (ex urbanistica, lavori pubblici e protezione civile), le Risorse umane e finanziarie (ex bilancio, tributi e risorse umane), le Politiche di sviluppo socio-economiche (ex zona artigianale, servizi sociali ed europrogettazione), Sport, spettacolo e turismo ed il Diritto alla salute (ex Sanità).

In alto