Ultimora

Bronte. Stop al volantinaggio selvaggio

Bronte, come tante città italiane ed europee, dice basta al volantinaggio selvaggio.
Il sindaco, Graziano Calanna, ha firmato l’ordinanza che regola la distribuzione dei volantini nelle case.
“Spesso – afferma il primo cittadino – i dépliant pubblicitari finiscono per sporcare le nostre strade, creando seri e costosi problemi di decoro e di igiene urbana. Per questo abbiamo deciso di intervenire, regolamentando la distribuzione dei volantini che dovranno essere rigorosamente posti all’interno delle cassette delle lettere”.
E l’ordinanza non lascia spazio a dubbi o interpretazioni. E’ fatto divieto – si legge – effettuare, in tutto il territorio comunale, pubblicità mediante: volantinaggio, affissione di manifesti nei pali o altri supporti pubblici. E’ vietato distribuire manifesti, opuscoli o altro materiale pubblicitario sugli usci e negli androni delle abitazioni private o sui parabrezza dei veicoli. E’ vietata la distribuzione a mano negli incroci o, ancora peggio, il lancio di biglietti omaggio o buoni sconto.
L’ordinanza comunque consente alle aziende di pubblicizzare le proprie attività: “La distribuzione – continua – è consentita solo se i volantini vengono depositati interamente nelle cassette della posta o nelle cassette pubblicitarie dei condomini. Gli incaricati alla distribuzione dovranno avere cura affinché il materiale distribuito non si disperda e, soprattutto, dovranno essere autorizzati dal Comune”.
Infine, sono escluse dall’attenersi a queste regole le associazioni non a scopo di lucro.
Chi trasgredisce dovrà pagare una sanzione amministrativa di 200 euro. Alla terza sanzione la ditta rischia la chiusura dell’esercizio per non meno di 5 giorni.

In alto