Cronaca

Calcio Catania, botta e risposta Lega Pro – Amministrazione Comunale sul rinvio della partita

Angelo-Massimino

Catania. A molti non è andato giù il rinvio al 28 settembre  della partita Catania – Fondi, previsto per la giornata di domani, per la visita di Matteo Renzi a Catania a conclusione della festa dell’Unità.

Se da un lato Bianco aveva affermato di aver comunicato da tempo alla Lega il problema di ordine pubblico per quella giornata, dall’altro arrivano le reazioni della società (Lo Monaco ha parlato di campionato falsato) e del presidente della Lega Pro Gravina che aveva smentito il primo cittadino etneo.

Sulla vicenda la discussione è tutt’altro che chiusa. Ieri il vicesindaco di Catania Marco Consoli ha replicato cosi al presidente della terza serie: “Siamo molto preoccupati dal fatto che Gravina, a giudicare dalle dichiarazioni che rilascia, non è evidentemente in grado di controllare le carte dei suoi uffici”. Ed ancora “le carte parlano chiaro: le lettere e le telefonate furono numerose. Il 10 agosto scorso le autorità di Pubblica sicurezza hanno appreso che dal 28 all’11 settembre si sarebbe svolta a Catania la Festa nazionale dell’Unità con le conclusioni del presidente del Consiglio . Sapendo che l’11 agosto sarebbe stato stilato il calendario del campionato, hanno immediatamente avvisato telefonicamente l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive chiedendo che il Catania iniziasse il suo campionato in trasferta in modo che l’inizio e la fine della manifestazione non coincidessero con le partite interne del Catania”.

“Il 12 agosto – ha aggiunto il vicesindaco – la Prefettura di Catania scrisse alla Lega Pro che il Comitato per ordine e sicurezza, appena svolto alla presenza del sottoscritto e dei dirigenti del Catania, sottolineava la necessità di anticipare la partita del 28 e posticipare Catania-Fondi a lunedì 12 settembre. Anche l’Osservatorio, sempre il 12 agosto, scrisse alla Lega suggerendo la medesima soluzione Tali lettere furono certamente lette, visto che la Lega accordò l’anticipo del 28 agosto, ma stranamente si ‘dimenticò’ dell’11 settembre”.
Un’altra sollecitazione alla Lega giunse il 29 e 30 agosto con una lettera in cui il Prefetto etneo reiterava la richiesta già formulata. La Lega, pur decidendo il posticipo di un’altra partita della terza giornata, Albinoleffe-Fano, spostò la partita con il Fondi non al 12 ma al 28 settembre, con un evidente danno per la società.
“Tutti questi elementi – ha concluso Consoli – sono chiarissimi: la Lega sapeva tutto e se ne è infischiata. Evidentemente esistono, nella Lega Pro, personaggi convinti di essere i padroni del Calcio. Ribadisco dunque che il presidente Gravina farebbe bene a controllare meglio il funzionamento dei propri uffici. Perché se non ci riesce forse è il caso che cambi la disciplina sportiva di cui occuparsi, magari dandosi all’ippica!”

Sul caso è giunta alla nostra redazione anche una nota stampa del consigliere della IV Municipalità Erio Buceti:

“Il botta e risposta tra il Sindaco Bianco e il presidente della Lega Pro, oltre ad essere mortificante, mette in cattiva luce tutta Catania agli occhi dell’intera Italia sportiva. Si tratta dell’ennesima dimostrazione di come questa amministrazione manchi di programmazione, tempismo e coordinamento. Il rinvio della partita tra il Calcio Catania e il Fondi al 28 settembre oltre ad essere un danno risulta quasi come una beffa per l’intera città e soprattutto per il quartiere di Cibali che accoglie lo stadio “Angelo Massimino”. Come consigliere della municipalità di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo” il sottoscritto, Erio Buceti, ha personalmente ascoltato le proteste e le lamentele dei cittadini che si sentono danneggiati da un’amministrazione che non manca mai di dimostrare agli occhi dei catanesi la sua superficialità e il suo pressapochismo. Nel corso degli ultimi anni si sono sollevate polemiche in ambito viario, sulla sicurezza, sulle opere pubbliche, sulle nomine di figure istituzionali e portavoci. All’appello mancava solo l’ambito sportivo. Una “laguna” colmata in questi giorni con buona pace di Catania che colleziona l’ennesima brutta figura agli occhi degli appassionati e dei addetti ai lavori nel panorama calcistico nazionale.”

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto