Sport

Calcio Catania: Torre del Grifo pronto a riaprire. Oggi si decide se giocare i playoff

Dopo le decisioni del Consiglio Federale dello scorso lunedì, i campionati professionistici italiani sono pronti a ripartire e tra questi anche la Lega Pro.

Conclusa la stagione regolare con un algoritmo che ha determinato la classifica finale dei tre gironi, è stata ufficializzata la griglia dei playoff che avranno inizio giorno 1 Luglio, ovvero tre giorni dopo la finale della Coppa Italia di categoria tra Ternana e Juventus Under23 che determinerà l’ultima squadra partecipante ai playoff promozione.

Partecipazione a questo mini torneo che, sempre secondo le disposizioni del Consiglio Federale, avverrà su base volontaria, in quanto le squadre che per motivi economici non riusciranno ad affrontare i costi legati alla disputa delle partite potranno rinunciare e consegnare la vittoria a tavolino alla squadra avversaria.

Il Catania, da tempo afflitto da grossi problemi economici, è tra le società che ancora non hanno fatto conoscere la propria volontà e negli uffici di Via Magenta si sta cercando di fare il possibile per poter partecipare alle sfide per la promozione in Serie B. Nodo cruciale per poter dare una risposta è la riapertura di Torre del Grifo, il centro polifunzionale di proprietà del Calcio Catania nonché sede degli allenamenti della squadra allenata da Lucarelli.

Il centro sportivo, da informazioni in nostro possesso, sarebbe pronto a riaprire e riprendere le proprie attività dopo il lockdown e tutto il processo di sanificazione nel rispetto dei protocolli sanitario dovrebbe essere stato già  messo in atto (montati i pannelli in plexiglass, segnati i percorsi obbligatori, installanti i dispenser per gli igienizzanti). Chiaro che non basta solo questo per poter garantire alla squadra di Lucarelli di poter tornare ad allenarsi poiché servono una serie di controlli medici (tamponi o test sierologici) che garantirebbero la piena integrità sportiva di tutto il gruppo rossazzurro. Gruppo che, certamente, non vedrà più Davide Di Molfetta, dopo che il calciatore ha scelto di rivolgersi al Collegio arbitrale per chiedere lo svincolo contrattuale a seguito dei mancati pagamenti degli stipendi.

Entro oggi il Catania dovrà comunicare la propria decisione se partecipare ai playoff o meno ed, in tal senso, ieri è arrivato un sostegno all’attuale proprietà da parte del Presidente della SIGI, ovvero la SPA interessata all’acquisto del Catania. Fabio Pagliara, infatti, ha teso la mano verso un eventuale sostegno economico al club per poter partecipare ai playoff. Un gesto che sorprende, ma che allo stesso tempo fa sperare in vista di un possibile avvicinamento tra le parti che possa portare alla cessione del pacchetto azionario del Catania da Finaria alla stessa SIGI. A tal proposito, sempre ieri, il Presidente del Tribunale di Catania Francesco Mannino, attraverso una nota ufficiale ha preso atto dell’attuale mancanza dei presupposti per avviare una procedura competitiva per la vendita del Calcio Catania e, pertanto, ha comunicato di aver acquisito da Finaria documenti per valutare l’attività della holding in funzione del concordato presentato.

Insomma, in attesa di capire se vedremo nuovamente Lucarelli e i suoi ragazzi sul terreno di gioco ad indossare i colori rossazzurri, la partita più importante continua a giocarsi nelle aule del Tribunale, con la speranza che sia Finaria che SIGI giochino in maniera onesta, corretta e soprattutto efficace.

In alto