Cronaca

Caltagirone: L’Unità Operativa di Cardiologia fra i centri hub della rete regionale per l’infarto miocardico acuto – di Ornella Fichera

Ospedale Gravina Caltagirone

L’Unità Operativa di Cardiologia dell’Ospedale “Gravina” di Caltagirone, dotata di Utic ed Emodinamica, è stata individuata fra i centri hub della Rete regionale dell’Infarto miocardico acuto (rete IMA): sarà, pertanto, centro di riferimento degli spoke periferici di Grammichele, Militello VC, Mineo, Ramacca e Vizzini.
Sono già attive le 5 ambulanze medicalizzate dei vari centri spoke abilitate alla trasmissione dei tracciati Ecg verso l’Utic di Caltagirone.

«È un risultato che gratifica l’impegno di tutti e offre ai cittadini maggiori livelli di sicurezza sociale – afferma il dr. Giuseppe Giammanco, direttore generale dell’Asp di Catania -. Il funzionamento della rete potrà garantire un adeguato soccorso e un tempestivo intervento nel caso di un infarto miocardico acuto, con seguente riduzione della mortalità».

Secondo le attuali linee-guida per il trattamento dei pazienti con infarto miocardico acuto è necessario un sistema di rete hub e spoke per garantire nel più breve tempo possibile l’esecuzione di un‘angioplastica primaria.

«L’inserimento nella rete IMA e l’individuazione come centro hub della nostra Unità Operativa incentiva il nostro lavoro – spiega il dr. Giacomo Chiarandà, direttore della Cardiologia dell’Ospedale “Gravina” – In questi anni, grazie al sostegno della Direzione strategica, abbiamo interpretato i bisogni del territorio e abbiamo tentato di rappresentare, al meglio delle nostre capacità, le potenzialità di una cardiologia moderna, efficace ed affidabile. Tutto questo, non solo premia i nostri sforzi ma ci proietta, ancora di più, sul territorio sia per la gestione delle emergenze e dell’infarto miocardico acuto, sia per la promozione di un’adeguata educazione al benessere cardiologico e nello specifico al riconoscimento precoce dei sintomi dell’infarto miocardico».

L’infarto miocardico acuto (popolarmente noto come attacco di cuore) è uno dei più gravi eventi patologici cardiovascolari.
Nel nostro Paese, ogni anno, si stima che siano circa 120.000 le persone che vengono colpite da infarto miocardico. Un fattore decisivo per la sopravvivenza a un attacco di cuore è la tempestività nell’intervento.
La rete IMA punta a migliorare i tempi di intervento e di cura, consentendo sia di ridurre la morte per arresto cardiaco da fibrillazione ventricolare (una complicanza frequente dell‘infarto miocardico), grazie all’impiego in ambulanza del defibrillatore elettrico; sia di aumentare la quantità di muscolo cardiaco che può essere salvata, riaprendo l‘arteria coronarica che si è occlusa con un’angioplastica percutanea che consente di disostruire e dilatare il vaso.

 

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto