Sport

Camplone: “Domani non è fondamentale, ma mi aspetto una bella gara”

Nella sala congressi di Torre del Grifo, il Mister Andrea Camplone ha presentato alla stampa la gara che domani il Catania disputerà allo stadio Granillo di Reggio Calabria.

Ecco le parole dell’allenatore raccolte dalla nostra redazione:

“Non credo che la partita di domani sia fondamentale per il campionato. Siamo ancora all’inizio e domani servirà fare un’ottima partita per la crescita del gruppo.

L’avversario è stimolante perché gioca bene a calcio ed anche da noi mi aspetto di giocare bene a pallone. Servirà personalità e cattiveria giusta per disputare una partita a viso aperto. Non chiedo necessariamente la vittoria ai miei ragazzi ma sicuramente chiedo che si giochi bene e che si faccia la nostra bella figura. Non credo che farò molto cambi anche se a livello mentale il terzo impegno in una settimana può creare qualche problema.

Stiamo recuperando qualche infortunato (Lele Catania torna tra i convocati), ma ci vorrà ancora un po’ di tempo per riavere tutto il gruppo.

Faccio il mio più sincero in bocca al lupo al DS Argurio per la sua scelta professionale. Ci mancherà perché è una persona validissima ed un ottimo professionista, ma l’opportunità che gli è stata concessa andava colta e quindi sono molto contento per lui.

Domani il nostro pubblico ci mancherà ma, per esperienza personale, bisogna essere bravi a saper gestire qualunque tipo di pressione. Dopo la partita con la Cavese ho detto che ci siamo ritrovati perché abbiamo ritrovato il nostro gioco, soprattutto se penso alle due trasferte quando siamo stati troppo lunghi e dove abbiamo commesso troppi errori.

Mercoledì scorso, invece, ho rivisto un buon palleggio e spero di riuscire a fare questo tipo di approccio anche in trasferta.

Stiamo recuperando Rizzo al 100%, ma non so ancora se giocherà anche domani anche perché stiamo puntando su tutto il gruppo perché vogliamo l’apporto da parte di tutti.

Di Molfetta sta facendo molto bene anche se gli manca ancora il goal e, forse, la lucidità sotto porta gli manca per il tanto lavoro che fa per tutta la gara e questo lo rende importante per la nostra squadra”.

In alto