Cronaca

Caos rifiuti in Sicilia, Musumeci (Ugl): “Crocetta ordina, i sindaci eseguono e i cittadini… pagano a caro prezzo! Una strategia non più tollerabile frutto di una politica spazzatura.”

cassonetti_rifiuti

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

“La Sicilia continua ad affogare tra i rifiuti e il presidente della Regione Crocetta pensa di poter cancellare anni di mala amministrazione in materia a colpi di ordinanza, costringendo i sindaci ad eseguire perentoriamente ed i cittadini a continuare a pagare a… caro prezzo! Si tratta di una strategia che non possiamo più tollerare, frutto di una politica spazzatura.” C’è grande rabbia ed un forte sentimento di solidarietà con la popolazione, ed i lavoratori del comparto, nelle parole del segretario generale territoriale della Ugl di Catania, Giovanni Musumeci, nel pieno di una emergenza amministrativa, gestionale e soprattutto sanitaria la cui soluzione è sempre quella di risolvere tutto accollando i costi stratosferici di un sistema antiquato agli utenti, laddove ancora tale è rimasto considerato che al contrario ci sono comuni che, nonostante tutto, sono riusciti ad applicare sistemi innovativi conferendo alte percentuali di rifiuto differenziato. “Quella adottata dal governo regionale è una strategia non più tollerabile, prodotto di una mala amministrazione che in tutti questi anni non è riuscita ad instradare i centri siciliani ad adottare le modalità necessarie per dar corso alla raccolta differenziata. Tutto questo perché, dopo aver tolto ai comuni stessi la competenza, il disastro degli Ato ed i mai decollati Srr, da Palermo ancora non si capisce quali sono gli enti che devono coordinare le attività sul territorio. Senza contare le enormi difficoltà nell’approvazione degli Aro comunali e le conseguenti gare d’appalto fiume celebrati nei già intasati uffici regionali di ogni provincia, oltre alla conclamata inerzia della Regione stessa nel sostenere i comuni per la realizzazione dei centri di raccolta. Dobbiamo purtroppo constatare – rincara la dose Musumeci – che nelle stanze dei bottoni in quel di Palermo si continua a vivere alla giornata, continuando a privilegiare l’abbancamento dei rifiuti in discarica (il cui fetore in quelle private spesso non è quello dell’immondizia, ma della mafia, così come sostenuto anche dalla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse collegati), pensando nel contempo di imporre agli enti comunali soluzioni improvvisate, nella piena consapevolezza che verranno difficilmente attuate nel loro complesso, minacciando ecotasse e sanzioni da sommare ai già elevati costi di conferimento nelle discariche dell’indifferenziata. Così vergognosamente i cittadini, il cui grado di sensibilizzazione in relazione alla pratica  della raccolta differenziata, è ben lontano dai livelli ottimali in quasi tutta la Sicilia, pagano tre volte. La prima perché da anni attendono di capire chi deve gestire il servizio, con un appalto che preveda la differenziata porta a porta, con la possibilità di conferire in un centro comunale e ottenere sgravi, senza avere altri costi in riferimento a cabine di regia, ambiti provinciali, partecipate e liquidazioni varie infinite. Secondo perché le necessarie quanto tempestive ordinanze, in contesti totalmente impreparati, producono l’effetto contrario di lasciare a terra cumuli di rifiuti non conferibili nelle giù esauste discariche. Infine, perché le colpe della lentezza regionale non possono essere scaricate attraverso sanzioni che mettono in croce gli amministratori locali, costretti a mantenere alte le tariffe della Tari (le più elevate d’Italia nel 90% dei comuni Siciliani), che alla fine ci mettono la faccia dovendo solo rispettare gli ordini! Chiediamo quindi al presidente Renzi ed al ministro Galletti di nominare con urgenza un commissario per l’emergenza rifiuti in Sicilia. Un commissario che non sia lo stesso capo del governo regionale, un assessore o uno dei funzionari regionali, ma che sia un professionista serio qualificato e competente in materia possibilmente proveniente da realtà del nord d’Italia, dove l’esperienza in tema di raccolta e di trattamento dei rifiuti è senz’altro ampiamente riconosciuta. I siciliani sono ormai stufi anche del “gattopardismo nella munnizza”, delle finte imposizioni e dell’improvvisazione. In attesa di un commissario – conclude Musumeci – chiediamo a Crocetta ed all’assessore Contrafatto di impegnarsi a disporre ai suoi uffici di procedere speditamente nell’espletamento delle gare d’appalto, nell’assegnazione dei fondi per la costruzione del Ccr, nonché a trovare fondi utili da investire nelle attività urgenti di informazione a partire dagli studenti delle scuole, dalle associazioni sul territorio, alle famiglie. La Sicilia è ormai nel pieno di un disastro ambientale, un pauroso primato che si sta giocando alla pari con il Lazio dove il settore della raccolta e dello smaltimento è tutto in mano ai privati, mentre la famigerata Campania ha ormai superato ogni criticità. Diciamo basta alla burocrazia delle ordinanze ed alle politiche dell’ultimo secondo, adesso è giunto il momento delle azioni concrete e programmate o, in alternativa, delle dimissioni immediate per togliere il disturbo.”

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto