Hobby & Hi-Tech

Casinò live: cos’è e come funziona

In un momento storico in cui il digitale sta prendendo il sopravvento sul reale in quasi ogni campo, è bene spendere qualche parola per raccontare una realtà che a causa di questa trasformazione dovuta alla tecnologia sta conoscendo un momento di difficoltà.

Parliamo dei casino live, noti anche come case da gioco, in altre parole quei luoghi in cui l’attività principale è proprio il gioco d’azzardo, un business che oggi viaggia soprattutto online: sul web, infatti, sono presenti una sconfinata vastità di piattaforme che offrono lo stesso tipo di giochi, con la sola differenza che essi possono essere praticati stando seduti tranquillamente dalla poltrona di casa, o più in genere ovunque ci si trovi.

Secondo gli storici le prime forme di casinò risalgono al medioevo, epoca in cui questi luoghi erano chiamati “baratterie”. Qui si potevano praticare i giochi d’azzardo che erano invece proibiti nelle piazze e soprattutto nelle vicinanze delle chiese. Dopo questo brevissimo excursus storico, possiamo tornare nel presente e raccontare per chi ne avesse poca contezza, cos’è e come funziona un casinò moderno.

Solitamente questi templi del divertimento sono strutture molto grandi articolate su più livelli dove si praticano i più comuni giochi d’azzardo: roulette, blackjack, poker, chemin de fer e le ormai immancabili e sempre più diffuse slot machine o VLT. Nell’immaginario collettivo, quando si pensa ai casinò, la mente va subito alle enormi strutture presenti a Las Vegas, rese celebri anche dai tanti film che li hanno scelti come ambientazione.

Tuttavia, i casinò sono diffusi un po’ in tutto il mondo (ovviamente, laddove le legislazioni lo consentono). In Europa i più frequentati sono situati a Montecarlo ma queste sale da gioco non mancano neanche in Italia, dove sono particolarmente famosi il Casinò di Venezia, il Casinò di Sanremo, e fino a qualche tempo fa quello di Campione.

Nei giochi che si svolgono ai tavoli, una figura che non manca mai è quella del croupier: a lui spetta il compito di gestire le puntate, tanto nel poker, quanto nella roulette, per diventare parte attiva del gioco in specialità come il blackjack. I croupier devono essere considerati personale qualificato, passato attraverso una scrupolosa formazione. Essi, come il dealer, non hanno alcun interesse a indirizzare le vincite e a loro spetta sempre l’ultima parola nelle controversie relative al gioco.

Nei film e in tv siamo abituati a vedere gli avventori dei casinò seduti ai tavoli in abiti eleganti, tuttavia, ormai da decenni non è più obbligatorio vestirsi in tiro (può capitare che ci siano alcune sale in cui è richiesto, come ad esempio quelle di blackjack e roulette, ma nella maggior parte dei casi è sufficiente una giacca).

Per partecipare a un torneo, dopo aver esibito i propri documenti all’ingresso, è bene presentarsi con una ventina di minuti d’anticipo, in modo da assicurare il regolare svolgimento del gioco. Un’altra importante raccomandazione quando si prende parte a giochi da casinò, è quella di leggere con attenzione il regolamento degli eventi a cui si partecipa, e più in generale il regolamento interno del casinò, onde evitare di incorrere in brutte figure.

In alto