Archivio

Catania. Dopo sette anni di crisi, lavoro in ginocchio

20150429_110920

Riceviamo e pubblichiamo integralmente

Catania, 29 aprile 2015 – Sette anni di crisi hanno messo a terra l’economia di Catania: 29mila disoccupati in più, 15mila inattivi in più, due punti in meno di tasso di occupazione. È il quadro di emergenze descritto oggi, a due giorni dalla Festa del Primo Maggio, nel corso del consiglio generale della Cisl etnea ospitato dal Rettorato dell’Università di Catania.
A discuterne con Rosaria Rotolo, segretaria generale della Cisl catanese, Mimmo Milazzo segretario generale della Cisl siciliana e il segretario confederale Maurizio Bernava, la platea di delegati, componenti di Rsu, Rsa e Sas della Cisl.
Nella relazione di Rosaria Rotolo, i dati citati non lasciano spazio a dubbi. «Celebreremo la Festa del Lavoro che non c’è – ammette – in tutti i settori, commercio, edilizia, agricoltura, servizi, formazione professionale, precari, teatri, call center. Ma dal privato al pubblico, l’emergenza non cambia. Gli enti locali sono bloccati dai tagli alla spesa e non sanno riorganizzare le risorse per garantire i servizi. Sono cinque i Comuni catanesi in dissesto e sette obbligati ai piani di rientro, tra cui Catania; l’80% dei 28 Ipab etnei, gli istituti pubblici di assistenza, è commissariato, e i 2100 lavoratori lamentano mancate retribuzioni da 5 mesi a 5 anni.
Quest’anno a Pozzallo, il Primo Maggio sarà anche l’occasione per sollecitare solidarietà e accoglienza ai migranti. «Perché l’integrazione può voler dire sviluppo e lavoro, perché i diritti vanno rispettati. Ma la Festa del Lavoro assume un significato particolare in una Sicilia i cui territori sono penalizzati da una classe politica e amministrativa priva di una visione strategia adeguata. E ne sono prova i ritardi nella programmazione della spesa dei fondi europei ».

«Il fallimento della rivoluzione crocettiana delle Province – ricorda Rotolo – ha causato a Catania, in due anni, dal 2012 al 2014, 200 milioni in meno di investimenti per manutenzioni stradali, scuole superiori e strutture turistiche. Per questo vogliamo incontrare la nuova commissaria della Provincia e sollecitare uno sblocco che darebbe ossigeno al settore delle costruzioni».

Eppure a Catania non mancano le eccellenze. «Attorno alla microelettronica, alle nuove energie, alla farmaceutica, ai centri di ricerca – sottolinea – è possibile costruire nuovo indotto e opportunità per il lavoro ma si devono risolvere i nodi del credito e dell’energia, quest’ultima lasciata colpevolmente priva di un piano regionale.
Non sono da meno i progetti di Area vasta. «Il distretto del SudEst deve diventare occasione per sviluppare le filiere industriali, dell’agroalimentare e del turismo, per investire in infrastrutture e sbloccare le attività edilizie. Siamo preoccupati ad esempio per le risorse destinate alle città metropolitane: sono 100 milioni di euro per l’emergenza abitativa, il decoro urbano, i trasporti, l’inclusione sociale. Ma bisogna passare dalle parole ai fatti, con politiche energetiche e del credito adeguate».

Rotolo ha infine ricordato il ruolo della Cisl nella contrattazione territoriale e nell’impiego dei fondi Pac servizi di cura: «È stato determinante il confronto con i Comuni per indirizzare i progetti per assistenza ad anziani e infanzia, la conferma della necessità che la politica deve confrontarsi per ottenere risultati per i cittadini».

Una politica che fa tutto da sola è stata criticata tanto da Milazzo che da Bernava. Il primo descrivendo ritardi e fallimenti della politica regionale ha esortato «un salto di qualità nella gestione del welfare e della sanità»; il secondo, ricordando la campagna Cisl nazionale per una proposta di legge di iniziativa popolare per un fisco più equo ha evidenziato «l’opportunità di arrivare a un modello fiscale coraggioso e solidale».

 

I DATI:

OCCUPAZIONE

2007: 309mila
2014: 292mila (-5%)

Tasso occupazione 2014: 38,9%

DISOCCUPAZIONE

2007: 40mila
2014: 69mila

INATTIVI

2007: 368mila
2014: 383mila (+4%)

 

IMPEGNO INVESTIMENTI PROVINCIA REGIONALE

2012: 294 milioni
2014: 94 milioni

 

COMUNI

In dissesto: 5, Aci S.Antonio, Caltagirone, Palagonia, Santa Venerina, Scordia
Piano di rientro: 7, Catania, Giarre, Riposto, Tremestieri Etneo, Militello, Mirabella Imbaccari, S.Maria di Licodia.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto