Archivio

Catania e Borgo Maggiore (San Marino): un gemellaggio all’insegna di Sant’Agata – di Ornella Fichera

Un gemellaggio di fratellanza nel nome di Sant’Agata: questo l’oggetto dell’atto firmato a Palazzo degli Elefanti dal sindaco di Catania Enzo Bianco e dal Capitano del Castello Federico Cavalli, che sancisce l’unione tra la città di Catania e Borgo Maggiore, comune della Repubblica di San Marino. Il gemellaggio prende le mosse dal legame della figura di S. Agata, compatrona della Repubblica di San Marino dove sorge la chiesa del Suffragio, in cui viene conservato il quadro di “S. Agata e S. Marino”, portato in processione ogni 5 febbraio.

«Sono particolarmente lieto – ha detto il sindaco Bianco – di accogliere in Municipio il sindaco di Borgo Maggiore per un patto di fratellanza e amicizia fra due città che hanno diverse caratteristiche in comune e su tutte la santa patrona Sant’Agata, cui Catania è particolarmente legata, anche con una festa che è tra le più grandi del mondo cattolico. Un gemellaggio, dunque, che nasce nel segno di sant’Agata ma che è aperto alla promozione di scambi culturali: penso alla collaborazione tra il nostro teatro Massimo Bellini e il vostro Concordia, aperto al turismo, al commercio, con un’attenzione particolare ai giovani».

«E’ per me motivo di grande gioia – ha aggiunto Federico Cavalli – la collaborazione con un sindaco che stimo e con una città che è una megalopoli rispetto al nostro piccolo castello. La comune devozione per sant’Agata può aprirci un orizzonte di progetti anche al di fuori dell’ambito religioso, includendo iniziative con il teatro Concordia ma anche con l’istituto musicale Sant’Agnese o la nostra Università, nata negli anni ’80 ma già affermata».

Alla cerimonia erano presenti anche Salvo di Salvo, assessore all’Urbanistica e al Decoro Urbano, Carmen La Sorella, direttrice della Televisione della Repubblica di San Marino, Carlo Moraglia Ibridatore del Garofano di S. Agata Moraglia, Mara Verbena Fiorista del Castello di Borgo Maggiore, Carlo Calì ideatore Premio Garofano d’Argento, Maria Carmela Calì presidente dell’associazione “I fiori di Giarre e dell’Etna”.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto