- La Gazzetta Catanese - http://www.lagazzettacatanese.it -

Catania, ecco il tuo vero capitano: Silvestri-goal e arrivano i primi 3 punti

Allo stadio “Veneziani” di Monopoli si affrontano la squadra locale ed il Catania di Beppe Raffaele, per la seconda giornata del campionato di Serie C.

Squadre schierate in campo con modulo speculare, 3-5-2, con Raffaele che cambia pochi interpreti rispetto alla gara di domenica scorsa giocata contro la Paganese. In porta, data l’indisponibilità di Santurro, gioca lo spagnolo Martinez, in difesa debutta il neo acquisto Denis Tonucci, che va a formare il trio difensivo con Claiton e Silvestri. A centrocampo Vicente si conquista il posto da titolare con Rosaia che si allarga a fare la mezzala così come Biondi che lascia il ruolo di esterno sinistro ad Albertini. In avanti conferma per il duo d’attacco Sarao e Reginaldo. In casa Monopoli, Scienza (ex calciatore rossazzurro) affida le chiavi della difesa a Giosa, pilastro del Potenza di Raffaele, mentre in avanti fa il suo debutto il giovane Santoro.

La prima fase di gara vede ritmi molto bassi con la squadra di casa che tiene il possesso palla ed il Catania che aspetta nella propria metà campo. Monopoli che prova a giocare molto sulle fasce sfruttando la velocità di Zambataro, esterno scuola Juve, protagonista di un ottimo avvio di stagione in casa pugliese. Pochi in ogni caso gli spunti offensivi e, così, Martinez si sporca i guanti solo per intercettare corner battuti male o punizioni buttate verso l’area di rigore etnea. Se il Monopoli costruisce poco, il Catania fa ancora meno anche se l’unico tiro nello specchio della porta lo effettua Manuel Sarao che, al 33esimo, controlla bene un buon pallone sulle trequarti e, appena giunto al limite dell’area di rigore, calcia forte impegnando il portiere di casa ad una parata in due tempi. Per il resto, rossazzurri abbastanza timidi con poca incisività in avanti, ma un’attenta protezione della propria area di rigore. Così dopo tre minuti di recupero l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi con l’ovvio risultato di 0-0.

Ad inizio ripresa il Catania sembra entrare in campo con un piglio diverso e dopo pochi minuti Raffaele toglie giustamente dal campo l’ammonito Vicente inserendo Nana Welbeck in mezzo al campo. Al 52esimo i rossazzurri passano: calcio di punizione dalla trequarti ben calciato da Rosaia che trova tutto libero sul secondo palo Tommaso Silvestri. Il capitano rossazzurro colpisce bene di testa e batte il portiere avversario portando in vantaggio un Catania apparso decisamente diverso ai primi 45 minuti. Il Monopoli prova a reagire inserendo in attacco Guido Marilungo, attaccante d’esperienza con un passato anche all’Atalanta, ma al 66esimo è ancora Silvestri sugli sviluppi di un calcio d’angolo ad andare vicino alla doppietta, ma stavolta il portiere Pozzer respinge in angolo.Padroni di casa che provano a reagire, ma nonostante un lungo possesso palla le offensive del Monopoli s’infrangono contro il muro eretto dalla difesa rossazzurra guidata da un ottimo Claiton che gestisce la gara con una calma ed una personalità davvero disarmante. Così il Catania controlla con attenzione lo scorrere del tempo e nemmeno gli ingressi di Vassallo e Samuele tra le fila di casa e quelli di Gatto, Izco e Pecorino tra i rossazzurri riescono a cambiare gli equilibri. Al 94esimo, dopo 4 minuti di recupero, il triplice fischio dell’arbitro sancisce la prima vittoria stagionale del Catania ottenuto su un campo difficile e storicamente ostico per i colori rossazzurri.

Tre punti fondamentali quelli ottenuti dai ragazzi di Raffaele, bravi a gestire una gara con calma ed attenzione e concreti nel mettere a segno una delle poche occasioni da rete create, ancora una volta su calcio piazzato come accaduto domenica scorsa, a testimoniare che sui calci piazzati il Catania quest’anno sarà spesso pericoloso. Bene la prestazione di Sarao in avanti che, seppur poco pericoloso sotto porta, ha fatto un gran lavoro nel difendere palla e conquistare punizioni importanti sulla trequarti.

La vittoria odierna darà quella fiducia e quell’entusiasmo che Raffaele si auspicava in conferenza stampa e giocare tra tre giorni contro la Juvestabia sarà una nuova opportunità per plasmare ancora di più un gruppo che potrebbe regalare soddisfazioni importanti.