Sport

Catania – Licata 4-0: Mazzarani accende il motore rossazzurro

Nella seconda uscita stagionale il Catania di Camplone batte per 4-0 il Licata di Giovanni Campanella, formazione che disputerà il prossimo campionato di Serie D.

Dopo il 6-1 rifilato al Marina di Ragusa la scorsa domenica, i rossazzurri ottengono la seconda vittoria di fronte a circa 500 sostenitori, considerando che la partita contro i gialloblù si è disputata sul campo numero 2 di Torre del Grifo, campo attrezzato di tribuna.

Nella prima frazione di gioco Camplone ha schierato una formazione priva di nuovi acquisti (ad eccezione del portiere Furlan), soluzione questa necessaria per provare la formazione da schierare domenica nel debutto ufficiale in Coppa Italia contro il Fanfulla, quando non sarà possibile schierare gli ultimi arrivati per problemi di tesseramento.

Così il primo tempo si chiudeva sul misero punteggio di 1-0 grazie ad un calcio di rigore, concesso in maniera un po’ benevola dal direttore di gara, trasformato dal solito Ciccio Lodi (nella foto Lodi sta per calciare, ndr).

Il numero 10 ha giocato davanti alla difesa nel ruolo di regista con Bucolo e Llama ai lati e, così come la passata stagione, si è visto poco dinamismo nella zona mediana del campo. In avanti Sarno e Di Piazza hanno provato spesso a duettare senza mai rendersi pericolosi.

Nella ripresa gli ingressi dei vari Pinto, Mazzarani, Dall’Oglio e Welbeck rivitalizzano la manovra ed il Catania dilagava.

Prima era Mazzarani con un tiro dalla distanza a siglare il raddoppio, poi ci pensava Mattia Rossetti di testa a segnare il 3-0, infine Devid Curiale realizzava il 4-0 ancora su calcio di rigore.

Da segnalare la posizione di Mazzarani in mezzo al campo. L’ex Salernitana, infatti, ha giocato nella posizione di Lodi come regista di centrocampo, entrando spesso in possesso del pallone che riusciva a fare girare con delle belle aperture sugli esterni, dove si segnalavano la spinta di Pinto sulla sinistra e le incursioni di Emanuele Catania sull’esterno destro.

Al termine della gara qualche screzio tra il mister del Licata Campanella e l’AD rossazzurro Lo Monaco davano il metro che,  seppur amichevole, la gara era abbastanza sentita soprattutto nello spogliatoio degli ospiti.

In generale, a tre giorni dal debutto ufficiale, la squadra della ripresa è sembrata più vivace e pericolosa rispetto a quella vista nella prima frazione.

Peccato, però, che contro il Fanfulla i protagonisti della ripresa non giocheranno e, quindi, Camplone dovrà chiedere uno sforzo in più a chi lo scorso anno indossava già la maglia rossazzurra…

In alto