Cronaca

Catania, migliora la qualità della vita. La città etnea sale nella classifica nazionale

“C’è ancora molto da fare ma si comincia a vedere il lavoro svolto”. Commenta così il sindaco Enzo Bianco la posizione di Catania che nella classifica 2016 della Qualità della vita, stilata dal
quotidiano economico Italia Oggi e dall’Università “La Sapienza” di Roma passa dal 101° al 93° posto risalendo 8 posizioni. “Abbiamo recuperato 8 posizioni in un anno – aggiunge Bianco – e adesso  siamo la seconda città siciliana dopo Ragusa.  C’è ancora molto da fare e pesa ancora parecchio il dato dell’economia ma in tanti settori si vede il lavoro fatto”.

Catania sale anche in alcune classifiche parziali: Affari e lavoro dal 94° all’ 85° posto, Tasso di disoccupazione dal 90° all’ 80° mentre in quelle considerate per la prima volta è al 14° nel PM10 numero giorni di superamento della media mobile sulle 8 ore di 50, al 55° nelle Aree a Traffico limitato e al 44° nelle Aree verdi.

Catania, inoltre, è una delle grandi aree urbane del Paese a non deludere visto che, come scrive Italia Oggi, “Arretrano tutte, rispetto allo scorso anno, eccezion fatta per Torino, che sale di 6 posti. E se Milano e Napoli perdono rispettivamente 7 e 5 posizioni, Roma ne perde 19 (31 in confronto al 2014), posizionandosi su livelli di qualità di vita insufficienti. A conferma di questa tendenza, come rilevato anche lo scorso anno, nelle province con popolazione superiore al milione in genere la qualità della vita peggiora”. Con alcune eccezioni tra le quali, appunto, di Catania. Nel Sud, infine, crescono solo Benevento, Bari, Catania e Ragusa.

In alto