- La Gazzetta Catanese - http://www.lagazzettacatanese.it -

Catania-Picerno 1-0: rossazzurri poco brillanti trovano la “Mazza” vincente

Grazie ad una rete di Mazzarani il Catania batte il Picerno nella nona giornata del campionato di Serie C.

Camplone opera qualche cambio, riproponendo Pinto sull’out di sinistra in difesa, Rizzo a centrocampo al posto di Welbeck e soprattutto in avanti con  Barisic che sostituisce l’infortunato Di Molfetta e Curiale, a sorpresa, che gioca da centravanti al posto di Di Piazza. Sull’altro versante Giacomarro (ed calciatore del Licata) si affida al collaudato 3-5-2 che gli ha concesso di andare sempre in rete in trasferta.

Nonostante un discreto possesso palla i rossazzurri non riescono mai a rendersi pericolosi dalle parti del portiere avversario. Troppo molle il centrocampo con Rizzo e Llama mai in grado di inserirsi in avanti e, soprattutto, inconcludente l’attacco con Curiale che spreca ancora una volta la fiducia concessa da Camplone e Barisic che si fa notare più per gli errori banali che per altro, dimostrando di essere ancora fuori forma.

Così le uniche iniziative rossazzurre sono frutto di discese sulla fascia di Calapai, fra i più positivi, e per qualche movimento senza palla di Mazzarani che dimostra di essere il più in forma tra i tre davanti.

Al 40esimo Camplone si rende conto che va cambiato qualcosa ed inserisce Welbeck e Rossetti togliendo Llama e Barisic, davvero inesistenti, ma fino al fischio dell’arbitro non accade ancora nulla e quando i calciatori rientrano negli spogliatoi i rossazzurri vengono sommersi dai fischi dei sostenitori presenti sugli spalti.

Ad inizio ripresa Camplone inserisce Di Piazza per Russo aumentando il peso offensivo e dopo appena 60 secondi il Catania passa in vantaggio. Sul colpo di testa di Curiale il portiere respinge e sulla palla vagante in area di rigore si avventa Andrea Mazzarani che di destro sblocca il risultato.

Quarta rete in campionato per il numero 32 che ancora una volta si dimostra letale sotto porta e Catania che riesce a portarsi in vantaggio alla prima occasione del secondo tempo.

I rossazzurri si sbloccano mentalmente e nei successivi dieci minuti Curiale sfiora il raddoppio prima di testa e poi con un tiro a giro che va alto sopra la traversa. Legno che viene colpito più tardi da Rossetti che con un bel destro dalla distanza sfiora l’eurogoal.

Negli ultimi venti minuti, poi, il Catania abbassa il proprio baricentro ed il Picerno prova a rendersi pericoloso con una costante pressione nella metà campo etnea.

I rossazzurri soffrono ma, pur qualche difficoltà, riescono a mantenere la porta inviolata fino alla fine del quinto minuto di recupero concesso dall’arbitro. Così al 95esimo il triplice fischio consente agli uomini di Camplone di tornare alla vittoria dopo le due sconfitte esterne contro Reggina e Ternana.

Contava vincere e i tre punti sono arrivati ma, certamente, quello visto oggi è stato il peggior Catania visto al Massimino.

Brutto il primo tempo con scelte di formazione parecchio discutibili e ripresa che, con il vantaggio arrivato subito, poteva essere gestito meglio.

Ci si augura che con il rientro degli infortunati Camplone potrà avere maggiore frecce al proprio arco per poter tornare ad esprimere il bel gioco che tanto aveva impressionato nelle prime giornate.