Cultura

Catania. Pratiche digitali per l’antisisimica

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«L’avvio della gestione informatizzata per la presentazione al Genio Civile delle pratiche relative alla normativa antisismica rappresenta un’importante tappa per la progressiva modernizzazione dei rapporti tra professionisti e uffici tecnici della Pubblica Amministrazione». Con queste parole il presidente dell’Ordine etneo degli Ingegneri Santi Maria Cascone ha commentato l’iniziativa del Genio Civile di Catania che dal 1° luglio 2016 accetterà le pratiche secondo le disposizioni contenute nel Codice per l’Amministrazione Digitale.
«Con la dematerializzazione dei fascicoli – ha continuato Cascone – si potrà innanzitutto ridurre drasticamente il consumo di carta, con notevoli vantaggi economici e un minore impatto ambientale; in secondo luogo i professionisti potranno ottimizzare il lavoro gestendo telematicamente le pratiche ed evitando così di doversi recare fisicamente negli uffici del Genio. Gli ingegneri apprezzano dunque la volontà della dirigenza di intraprendere un percorso di efficienza e snellimento burocratico che contribuirà a migliorare i servizi destinati ai cittadini».
A partire dal mese di luglio avrà inizio una fase di transizione, durante la quale gli uffici del Genio Civile acquisiranno i progetti, completi di relazioni ed elaborati grafici, in copia sia cartacea che digitale. Il definitivo abbandono della carta avverrà dal 1° settembre, quando gli uffici accetteranno solamente documenti digitali senza più conservare i fascicoli cartacei. Anche il rilascio di copie conformi agli originali avverrà su supporti ottici: «I benefici per il nostro ufficio saranno molteplici – ha dichiarato l’ingegnere capo del Genio Civile catanese Salvatore Gabriele Ragusa – a partire dall’abbattimento dei costi relativi al consumo di carta e alla gestione d’archivio. Dal punto di vista organizzativo si concretizzerà una maggiore efficienza interna, come nei casi della ricerca delle pratiche e del rapporto con l’utenza. L’obiettivo è quello di arrivare a una gestione interamente telematica della pratica, con notevoli vantaggi per i professionisti».

In alto