Sport

Catania-Reggina 4-1: finalmente rossazzurri belli e vincenti!



Nel secondo turno dei playoff di Serie C il Catania batte la Reggina per 4-1 ottenendo con merito il pass per il turno successivo.

Il ritorno di Sottil sulla panchina rossazzurra viene caratterizzato da una scelta molto significativa: Francesco Lodi non è tra i titolari e per il suo centrocampo il tecnico sceglie il trio Rizzo-Biagianti-Bucolo con Sarno nella posizione di trequartista dietro le due punte Marotta e Di Piazza.

Insomma, quel 4-3-1-2 che Sottil sognava di fare sin da inizio stagione e che adesso, grazie alla presenza di Sarno, può utilizzare con gli uomini giusti al posto giusto.

Proprio Sarno gode di una libertà di movimento che gli permette di essere al centro di tutte le manovre d’attacco rossazzurre. La Reggina di Cevoli, invece, punta forte sulla qualità dei suoi singoli con Bellomo e Strambelli che già in campionato sono stati letali nella gara di marzo tra amaranto e rossazzurri.

Pronti via e si capisce subito che gli animi sono caldi con Sarno e Strambelli che arrivano alle mani e si beccano immediatamente un cartellino giallo.

Il Catania, comunque, gestisce la gara con Bucolo e Rizzo che macinano subito chilometri a centrocampo.

Al 16esimo Sarno prende palla sulla trequarti, punta la porta e dopo aver saltato tre avversari come birilli piazza un destro preciso alla sinistra del portiere Confente.

Catania in vantaggio grazie ad uno splendida giocata del fantasista giunto a gennaio da Padova, ma due minuti dopo la Reggina pareggia: Doumbia fugge sulla fascia sinistra a Silvestri e crossa al centro trovando libero Salandria che di testa batte Pisseri.

Botta e risposta immediato, quindi, tra due squadre che vogliono entrambe andare avanti nei playoff.

Il Catania, però, rispetto alle ultime gare non accusa il colpo e ritorna a macinare gioco grazie anche alla ritrovata verve di Marotta che in attacco si fa valere più di una volta.

Al 31esimo su un corner ben calciato da Sarno, Silvestri colpisce di testa a botta sicura ma Confente si oppone deviando in maniera egregia. Nulla può, però, sei minuti dopo quando su un cross dalla sinistra di Marchese Di Piazza spizza di testa e Gasparetto involontariamente devia nella propria porta il pallone.

Catania nuovamente in vantaggio e Reggina che prova a riorganizzarsi per trovare il pareggio.

Ci prova Bellomo con un bel sinistro dalla distanza, ma Pisseri è bravo a deviare in angolo, poi l’arbitro annulla giustamente un goal a Gasparetto per fuorigioco. Dopo 60 secondi di recupero termina il primo tempo, ben giocato da entrambe le squadre.

Ad inizio ripresa Cevoli si gioca la carta Baclet per dare maggiore forza al proprio attacco e i calabresi, nei primi minuti, si affacciano dalle parte di Pisseri con due tiri dalla bandierina.

Il Catania, però, controlla con attenzione con la difesa guidata dal solito maestoso Aya e con un Biagianti che giganteggia a centrocampo.

Proprio da un pallone recuperato dal capitano etneo parte in contropiede Marotta che serve un assist perfetto per Di Piazza che, appena entrato in area, colpisce con un preciso interno destro che batte il portiere avversario.

Splendida azione per i rossazzurri e vantaggio che aumenta, consentendo al Catania di mettere la freccia sulla Reggina, con i calabresi che provano a reagire con diverse sostituzioni che coinvolgono anche Strambelli e Bellomo sostituiti da Ungaro e Martino.

Al 63esimo clamorosa svista dell’arbitro Ayroldi che non vede un mani di Sarno in area di rigore su calcio di punizione con conseguente proteste da parte dei calabresi.

A 20 minuti dalla fine Sottil si affida anche lui ai cambi con Curiale, Llama e Carriero che subentrano a Bucolo, Di Piazza e Sarno.

All’81esimo splendida azione di Curiale sulla destra che crossa al centro per il tap in vincente di Marotta che chiude virtualmente la gara siglando il 4-1.

I successivi minuti, infatti, servono solo a ricongiungere squadra e tifosi con quest’ultimi che accompagnano i passaggi dei calciatori in maglia rossazzurra con “olè” di entusiasmo.

Al fischio finale si certifica il passaggio al turno successivo del Catania con i rossazzurri che domani conosceranno il proprio avversario a seguito del sorteggio.

Contro la Reggina si è assistito ad un Catania diverso rispetto alle ultime uscite, con Sottil che è stato bravo a dare la giusta intensità ad un intero gruppo che ha risposto alla grande abbattendo l’avversario in ogni zona del campo.

Ottima la prestazione di tutto il reparto avanzato con un Sarno molto ispirato e che potrebbe essere veramente un fattore in più per questi playoff.

Bello rivedere in campo gente come Angiulli e Carriero, un po’ ai margini sotto la gestione Novellino, e con questa coesione può finalmente uscire il gruppo che può davvero portare in alto questa squadra…



In alto