Archivio

Catania. Riqualificare Largo Bordighera

Riceviamo e pubblichiamo integralmente

Cura e decoro dell’arredo urbano. Un concetto che fatica a prendere piede all’interno di Largo Bordighera. Un’area attrezzata, nei pressi del viale Vittorio Veneto, che finisce sistematicamente nel mirino dei vandali e dell’inciviltà della gente comune. Un punto di aggregazione dove bisogna fare i conti con la spazzatura ovunque, la bambinopoli danneggiata e il continuo passaggio di scooter in pieno spazio pedonale. Sulla carta dovrebbe essere una struttura pensata apposta per le famiglie in realtà, bambini e genitori, si trovano davanti una “terra di nessuno” dove teppisti e maleducati possono fare quello che vogliono perché mancano i controlli da parte delle forze dell’ordine. Una piazza completamente vandalizzata dove i pochi interventi da parte degli operai comunali sono resi vani dai continui raid notturni. Come consigliere comunale di “Grande Catania” ho raccolto personalmente le proteste e le segnalazioni dei commercianti e dei residenti della zona. Persone che raccontano di un spettacolo quotidiano vergognoso. Qui i controlli e la manutenzione dell’area vengono compiuti raramente con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti. Che sia giorno o notte, infatti, i gruppetti di ragazzi sfrecciano tra i vialetti con gli scooter. Il risultato è che le famiglie preferiscono evitare questo polmone verde per non rischiare di essere investiti. C’è un profondo senso di inciviltà che assolutamente bisogna combattere. Ecco perché propongo di proteggere gli spazi pedonali con i paletti dissuasori o con i “panettoni” tutt’intorno all’area. E’ mia intenzione attivarmi con petizioni e segnalazioni agli uffici competenti per portare a termine questi ed altri interventi e cominciare così il piano di sviluppo dei luoghi di aggregazione a Picanello. Lavori indispensabili per scongiurare l’allarme inciviltà su Largo Bordighera.

Maurizio Mirenda
Consigliere Comunale Catania

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto