Sport

Catania-Turris 0-0: tanta voglia, ma poche occasioni. Un punto per muovere la classifica

Allo stadio “Angelino Nobile” di Lentini, sede scelta per consentire al manto erboso del Massimino di non peggiorare ulteriormente, va in scena Catania-Turris partita valida per il dodicesimo turno del Girone C del campionato di Serie C.

In un pomeriggio piovoso e con un terreno di gioco che regge la pioggia, ma non in perfette condizioni, il Catania scende in campo con lo stesso 11 che ha battuto mercoledì la Vibonese, eccezion fatta per l’infortunato Dall’Oglio che viene sostituito da Biondi. Per Raffaele, assente dalla panchina per la prima delle quattro giornate di squalifica, voglia di dare conferma per trovare continuità in termini di gioco e risultati. In casa Turris, il tecnico Fabiano si affida al 3-4-1-2 con il numero 10 Luca Giannone, vero top player per la categoria.

Avvio di gara abbastanza propositivo da parte dei rossazzurri che al quinto minuto vanno già vicini al goal: Pecorino conquista un buon pallone in attacco e serve l’accorrente Biondi che di sinistro chiude male da ottima posizione mandando la palla a lato. Prima occasione da rete e prima azione in cui si nota come l’impiego di Biondi sia legato anche alle sue capacità di inserimento. Al nono minuto ancora Catania vicino al goal con Claiton che prova la conclusione dalla distanza trovando una deviazione che mette in difficoltà il portiere costretto a deviare in angolo. Catania che si fa apprezzare per l’intensità e il giro palla che mettono i rossazzurri nelle condizioni di tenere alto il proprio baricentro e costringendo la Turris nella sua metà campo. Al 21esimo buona azione d’attacco dei rossazzurri che porta alla conclusione Maldonado il cui tiro viene bloccato dal portiere ospite con qualche difficoltà. Man mano che passa il tempo la Turris esce dalla propria metà campo cercando di farsi vedere dalle parti di Martinez senza però creare pericoli al portiere spagnolo del Catania. Al 38esimo bella discesa sulla sinistra da parte di Pinto che mette un bel cross al centro dove Pecorino di testa impegna il portiere avversario. Al 45esimo situazione molto sospetta in area di rigore della Turris con il pallone che sbatte sul braccio di un difensore dopo un tocco di Reginaldo, ma l’arbitro lascia proseguire. Direttore di gara che dopo appena sessanta secondi di recupero manda le squadre negli spogliatoi al termine di un primo tempo giocato abbastanza bene dai rossazzurri ma che hanno trovato una Turris che si difende bene e riparte in maniera pericolosa.

Inizia la ripresa con gli stessi uomini in campo per gli stessi schieramenti ed il Catania ricomincia ad attaccare cercando di aprire la difesa della Turris.

Sono i campani, però, ad andare vicini al goal con un tiro a giro da parte di Franco che finisce di pochissimo a lato della porta difesa da Martinez. Ancora Turris vicini al goal con Lorenzini che prova la conclusione dalla distanza trovando la respinta di Martinez. Il Catania prova a reagire ed al 58esimo Pecorino tenta la conclusione dal limite dell’area di rigore ma la palla finisce alta sopra la traversa. Al 60esimo cambi in casa Catania con Cristaldi che sostituisce Albertini con Izco e Pinto con Calapai, spostando il numero 21 Biondi sull’out di sinistro ed Izco a fare l’interno di centrocampo. Al 67esimo ancora Turris pericolosa con Romano che sbaglia la torsione al momento del colpo di testa e manda fuori da ottima posizione.  Due minuti dopo buona azione di Reginaldo in area di rigore che, dopo aver dribblato due avversari, serve Silvestri che dal limite dell’area di rigore prova il piatto destro trovando la respinta della difesa avversaria. Ancora cambi in casa etnea con Noce che sostituisce Zanchi e il ritorno di Manuel Sarao al centro dell’attacco al posto di Pecorino.  I cambi non mutano il trend con le occasioni di rete che latitano ed una partita che fatica a sbloccarsi nonostante anche l’inserimento del fantasioso Piovanello al posto di Maldonado. All’87esimo punizione dai 25 metri ben calciata da Reginaldo che impegna il portiere avversario alla deviazione.  Dopo quattro minuti di recupero l’arbitro sancisce la fine della gara che determina un pareggio a reti inviolate tra Catania e Turris.

Partita abbastanza gradevole quella che si è giocata allo stadio di Lentini con i rossazzurri che nel primo tempo si sono fatti apprezzare per alcune occasioni create soprattutto nella prima mezz’ora di gara. Nella ripresa la Turris è uscita fuori andando anche vicina al goal un paio di volte mentre i rossazzurri si sono via via spenti non riuscendo più a creare pericoli, soprattutto dopo l’uscita di Pecorino dal campo. Nel complesso il pareggio finale è espressione di quanto visto in campo con i rossazzurri che, come spesso accade, non hanno trovato la giocata giusta per sbloccare la gara. Male Biondi, che nonostante il cambio di ruolo più volte ripetuto, non è mai riuscito ad entrare in partita. Da rivedere anche la prestazione di Maldonado, spesso troppo assente soprattutto in fase di interdizione mentre da sottolineare l’ennesima buona prestazione di Emanuele Pecorino.

Adesso, finito il tour de force con tre partite in settimana che hanno portato solo 4 punti, ci si appresta ad affrontare una settimana di lavoro classico che porterà alla gara contro l’Avellino in trasferta, con la speranza che non escano altri risvolti dal punto di vista societario.

In alto