Sport

Catania-Viterbese 1-0: una perla di Dall’Oglio regala la terza vittoria consecutiva

Allo stadio Massimino di Catania si affrontano per la trentaquattresima giornata del campionato di Serie C il Catania allenato da Francesco Baldini e la Viterbese guidata da Roberto Taurino.

Dopo le vittorie contro Avellino e Cavese, i rossazzurri cercano la terza vittoria consecutiva e per provare ad ottenere i tre punti Baldini conferma 10/11 della formazione che ha vinto le precedenti due gare, unico cambio legato all’indisponibilità di Russotto che parte dalla panchina lasciando spazio tra i titolari al brasiliano Reginaldo. Solo panchina anche per il rientrante Tonucci con Giosa e Claiton che vengono confermati nel ruolo di difensori centrali. Conferme anche a centrocampo per Izco, Maldonado e Dall’Oglio e per il bomber Sarao che proverà ad allungare il bottino di reti in campionato. In casa Viterbese, Taurino si affida anche al 4-3-3 con l’ex Lazio Tounkara al centro dell’attacco e i due ex Mbende e Salandria regolarmente in campo.

Primo del fischio di inizio della gara, è stato osservato un minuto di silenzio in memoria della giornalista e speaker rossazzurra Stefania Sberna, con le figlie che hanno lette le formazioni ufficiali proprio nell’immediato pre gara.

Subito dopo l’inizio della gara, la Viterbese si rende pericolosa dopo appena 20 secondi con un lancio lungo che pesca in area Tounkara che aggancia e scarica un destro potente che Martinez riesce a respingere con qualche difficoltà. Il Catania prova a reagire e dopo aver guadagnato metri di campo, al quarto minuto Pinto scende sulla fascia e mette al centro un cross interessante sul quale Sarao interviene di testa, ma non riesce a girare verso la porta perché contrastato da un difensore. Al 12′ Giosa perde un pallone in fase di costruzione e la Viterbese ne approfitta per ripartire in contropiede e lanciare Tounkara che, dopo essersi fatto beffe di Claiton con una bella finta di corpo, viene stoppato dallo stesso Giosa proprio davanti a Martinez. Al 17esimo doppio tentativo del Catania prima con Izco che cicca clamorosamente il tiro da ottima posizione dopo uno splendido assist di Reginaldo e pochi secondi tempo è sempre l’asse Pinto-Sarao a confezionare una bella azione con la deviazione del numero 9 che finisce facile tra le braccia del portiere ospite. Al 19esimo ottima discesa di Calapai sull’out di destra che mette al centro trovando l’uscita errata di Daga che consente a Reginaldo di mettere al centro per un tentativo velleitario del solito Sarao. Un minuto dopo è la Viterbese a rendersi molto pericolosa con una bella discesa sulla sinistra di Urso che mette al centro per Simonelli che controlla e spara alto sopra la traversa da ottima posizione. Al 22esimo altra ripartenza dei laziali con la palla che arriva a Salandria che dal limite dell’area di rigore piazza un bel destro trovando la deviazione in angolo di un attento Martinez. Al 26esimo bella azionata manovrata del Catania che schiaccia nella propria area di rigore la Viterbese portando al tiro Maldonado che trova la deviazione in angolo. Sul corner la palla arriva a Sarao che spara di sinistro e manda alto da buona posizione. Al 30esimo bella triangolazione Reginaldo-Maldonado con il brasiliano che riceve palla in area di rigore ma colpisce debolmente favorendo la presa del portiere ospite. Ottima nella circostanza l’intesa mostrata tra i due sudamericani. Al 33esimo incredibile occasione della Viterbese con Urso che vince due rimpalli prima con Claiton e poi con Giosa e si invola tutto solo verso la porta dove trova in uscita uno strepitoso Martinez che interviene sulla palla e ferma l’avversario ormai pronto a depositare la palla in rete. Mostruoso il salvataggio del portiere spagnolo che sta dimostrando con forza di meritarsi i gradi da titolare. Al 40esimo Piccolo da oltre 30 metri lascia partire un sinistro potente che batte il portiere e si infila in rete, ma l’arbitro annulla il goal per una sospetta posizione irregolare di Sarao che, secondo il direttore di gara, si trovava sulla traiettoria del tiro oltre la linea dei difensori. Al 45esimo, senza alcun minuto di recupero, l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi al termine di un primo tempo molto vivace con entrambe le squadre che si sono rese pericolose, soprattutto i laziali che hanno trovato l’opposizione di un grande Martinez in più di una occasione.

La ripresa comincia con lo stesso leit movie della prima frazione di gioco ovvero con la Viterbese che si rende pericolosa con ripartenze interessanti che mettono in difficoltà la retroguardia rossazzurra. Il Catania, così come nel primo tempo, prova a reagire e dopo una bella azione manovrata Pinto mette un bel pallone al centro dove Reginaldo tenta la deviazione senza imprimere la dovuta forza e precisione. Al 53esimo primo cambio in casa rossazzurra con Welbeck che prende il posto di Izco per dare maggiore fosforo alla zona mediana. Al 57esimo splendida azione dei rossazzurri con Piccolo che lancia in profondità Calapai che passa dietro a Dall’Oglio che di prima intenzione mette al centro trovando Reginaldo tutto solo nell’area piccola, ma il colpo di testa del brasiliano finisce di poco alto sopra la traversa.

Al 61esimo il Catania passa: Sarao conquista un buon pallone al limite dell’area di rigore e serve Welbeck che viene atterrato; sulla punizione successiva Dall’Oglio disegna una parabola perfetta che si infila alla sinistra del portiere Daga portando in vantaggio i rossazzurri e realizzando la quinta rete stagionale.

La Viterbese, subito il goal, si riversa nella metà campo etnea creando qualche preoccupazione alla retroguardia rossazzurra ma Claiton e Giosa riescono ad allontanare il pericolo. Al 72esimo altri cambi in casa Catania con Russotto e Rosaia che entrano in campo al posto di Reginaldo e Dall’Oglio mantenendo lo stesso schieramento in campo ma inserendo due elementi che sanno tenere palla e saltare l’uomo. Pochi minuti dopo si rivedono in campo anche Tonucci e Golfo che vanno a prendere il posto di Giosa e Piccolo, cercando di dare maggiore rotazione anche e soprattutto tra gli esterni d’attacco. I rossazzurri abbassano il proprio baricentro cercando di respingere le offensive della Viterbese che in più di un’occasione provano a rendersi pericolosi, come all’84esimo quando Murilo prova la conclusione dal limite dell’area di rigore mandando la palla di poco a lato della porta difesa da Martinez. Sull’azione successiva splendida discesa sulla fascia destra di Russotto che mette al centro un pallone interessante sul quale Golfo non trova la deviazione vincente. Al 92esimo, dopo una bella discesa di Pinto sulla sinistra la palla arriva a Sarao che controlla palla e di sinistro piazza un pallone che il portiere della Viterbese devia in angolo. Al 95esimo l’arbitro effettua il triplice fischio finale che sancisce la vittoria dei rossazuzrri grazie alla rete su punizione realizzata da Jacopo Dall’Oglio.

Non c’è due senza tre e così, dopo le vittorie contro Avellino e Cavese, il Catania centra la terza vittoria consecutiva battendo la Viterbese e proseguendo il proprio percorso verso la conclusione della stagione. Vittoria sofferta quella odierna perché i rossazzurri hanno rischiato in diverse occasioni di subire la rete dello svantaggio, ma in più di una circostanza è stato bravissimo Martinez a bloccare ogni tentativo avversario. Bene anche la prestazione di Maldonado che ha giocato da vero playmaker e da segnalare anche la buona prestazione di tutto il pacchetto arretrato che per la seconda gara consecutiva ha concluso la gara senza subire reti. La perla di Dall’Oglio su calcio piazzato è stato l’evento che ha permesso di sbloccare la gara e portare a casa la vittoria che può consentire a Baldini di far trascorrere a tutti i supporters una serena Pasqua a tinte rossazzurre. AUGURI!

In alto