Archivio

“Compostiamoci bene”: il progetto per il compostaggio domestico del Comune di Santa Venerina – di Ornella Fichera

Venerdì 23 ottobre, alle ore 18:00 presso la Casa del Vendemmiatore di Via Trieste a Santa Venerina, sarà presentato “Compostiamoci bene”, il progetto per il compostaggio domestico promosso dal Comune di Santa Venerina e dall’Associazione Rifiuti Zero Sicilia.
In programma gli interventi di Danilo Pulvirenti, presidente dell’Associazione Rifiuti Zero Sicilia, e di Giuseppe Fresta, assessore ai Servizi di Igiene Ambientale del Comune di Santa Venerina.
L’incontro prevede un momento formativo per aderire attivamente al progetto avviando il compostaggio domestico nel proprio giardino: ogni utenza dotata di giardino o in possesso di un idoneo spazio verde può fare richiesta per l’adesione al progetto “Compostiamoci bene” e decidere di gestire la frazione umida in proprio, smettendo, così, di conferire l’organico al servizio di raccolta, trasformando lo stesso in fertilizzante naturale (compost) da riutilizzare sempre in proprio.
Coloro che aderiscono al progetto “Compostiamoci bene” otterranno un composter in comodato d’uso gratuito per tutta la durata dell’adesione al progetto.

«La pratica del compostaggio – spiega l’assessore Giuseppe Fresta – permette di ottenere uno sgravio sulla TA.RI. (Tassa Rifiuti) a patto, ovviamente, di non conferire più i rifiuti organici al sistema di raccolta e di effettuare il processo di trasformazione in maniera corretta».

Per ottenere lo sgravio, l’utente si impegna, mediante una convenzione, a non conferire più la frazione umida al servizio di raccolta e ad apporre una targhetta sul limite del confine della propria abitazione per segnalare l’adesione al progetto e permettere di effettuare agevolmente i controlli.
Per partecipare al progetto, ogni utente dovrà prima fare domanda e partecipare almeno ad un corso/incontro informativo organizzato dall’amministrazione comunale.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto