Archivio

Con il dimezzamento delle indennità degli amministratori sarà finanziata la festa del Santo Patrono

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

A darne la disponibilità preventiva in attesa degli incontri con la Deputazione della festa e con i cerei ed i partiti è stato il sindaco Nino Di Guardo nel corso di un suo intervento al Consiglio Comunale.

“Per il 2016 – ha detto il sindaco Di Guardo – non avremmo potuto, con le continue ristrettezze di bilancio, finanziare i festeggiamenti triennali. Ho deciso così di rispettare la scadenza finanziando la spesa con il dimezzamento delle indennità della giunta e del presidente del consiglio comunale che ha aderito all’iniziativa. Risparmieremo nel 2016 ben 135 mila euro di cui 130 mila andranno a finanziare i festeggiamenti patronali di agosto.”

L’ultima festa del Patrono S. Antonio Abate è dell’estate del 2013 e già allora l’amministrazione comunale con grandi difficoltà riuscì ad assicurare il finanziamento che per il prossimo anno invece saranno garantiti dal dimezzamento delle indennità da parte degli amministratori.

“La festa del Patrono – ha concluso il sindaco Di Guardo – è un grande momento di aggregazione della popolazione e di espressione di fede per i credenti oltre ad essere anche un importante momento culturale con l’organizzazione di mostre ed eventi che ripercorrono la tradizione locale.”

Nei prossimi giorni è in programma il primo incontro tra il sindaco e la deputazione della festa per discutere dell’organizzazione dell’evento dell’estate 2016.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto