Cultura

Cultura: Istituto Luce, in mostra l’immaginario italiano

Riceviamo e pubblichiamo integralmente

Centinaia di filmati in venti schermi e cinquecento fotografie per raccontare più di novant’anni di storia del Paese, con una speciale sezione su Catania. L’esposizione, tratta da un fondo Patrimonio Unesco, sarà inaugurata nel Palazzo Platamone il 24ottobre dal sindaco Bianco e dal presidente dell’Istituto Roberto Cicutto e rimarrà aperta fino al prossimo 19 febbraio

Centinaia di filmati in venti schermi e cinquecento fotografie per raccontare più di novant’anni di storia del Paese, con una speciale sezione su Catania. Così può essere sintetizzata la mostra “Luce. L’immaginario italiano” che sarà inaugurata il prossimo 24 ottobre nel Palazzo Platamone dal sindaco Enzo Bianco e dal presidente dell’Istituto Roberto Cicutto e che narra più di novant’anni di storia del Paese, con una speciale sezione su Catania. L’esposizione – ideata e realizzata da Istituto Luce-Cinecittà, è curata da Gabriele D’Autilia e Roland Sejko con l’organizzazione generale di Cor (Creare organizzare realizzare srl) – rimarrà aperta fino al prossimo 19 febbraio.
“Un’ampia sezione della mostra – ha sottolineato il sindaco Bianco – è dedicata a Catania, con immagini di grande impatto emotivo legati a fatti di cronaca: gli eventi politici e sportivi del fascismo e del dopoguerra, quelli religiosi come la festa di sant’Agata, quelli culturali riguardanti soprattutto Vincenzo Bellini e naturalmente quelli legati all’Etna e alle sue eruzioni. Un motivo in più per visitarla per gli abitanti della Sicilia orientale e per i turisti. Molte delle vicende siciliane, inoltre, furono narrate dal punto di vista filmico da due catanesi di grandissimo valore e che meritano di essere, in quest’occasione, ricordati: il regista Ugo Saitta e Rita Consoli, sua moglie e come lui operatore cinematografico, che collaborarono a lungo con l’Istituto Luce, che rappresenta, pur con le sue contraddizioni, una delle più grandi imprese culturali del nostro Paese”.
“L’esposizione – ha aggiunto l’assessore alla Cultura Orazio Licandro – è ricchissima e avvincente e racconta una vera e propria storia del Novecento italiano. Una storia narrata soprattutto attraverso le immagini, un linguaggio universale tanto nell’antichità quanto nella contemporaneità. Una storia di popolo, la nostra storia italiana, complessa, densa e terribile: dalle campagne alle città, dai mestieri alla politica, dal ventennio fascista alla sua ferrea propaganda, alla seconda guerra mondiale, dalla vittoria degli alleati alla ricostruzione del dopoguerra. Una mostra, insomma, che rappresenta il coronamento di un ulteriore concreto progresso della strategia culturale messa in campo dall’Amministrazione comunale”.
Un appuntamento da non perdere soprattutto per le giovani generazioni catanesi che potranno confrontarsi con un passato apparentemente remoto eppure vicinissimo. Anche perché a emergere e diventare protagonista è la città reale, che si svela nei volti antichi e poveri delle ragazze in costume per una filata davanti al principe ereditario nel 1930 o nell’impegno tenace dei giovani dell’Ospizio di beneficienza nel 1951.
La mostra rimarrà aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 19 e la domenica e i festivi dalle 9 alle 13. Il biglietto intero costa 8 euro, quello ridotto 6, l’ingresso per gli studenti 4 e il catalogo 18.

In alto