Archivio

Da Catania in Canada per avviare un progetto di ricerca: il giovane Ing. Alessio Anfuso vince borsa di studio internazionale – di Ornella Fichera

Per il terzo anno consecutivo l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Catania vince la sua scommessa internazionale per i giovani: c’è anche un ingegnere iscritto all’Albo etneo tra i 24 italiani scelti dalla Fondazione americana Issnaf (Italian Scientists and Scholars in North America Foundation) per l’avvio di progetti di ricerca che promuovono la cooperazione scientifica, accademica e tecnologica tra ricercatori e studiosi attivi nel nostro Paese e oltreoceano.
Trentatre anni, di Caltagirone, Alessio Anfuso è stato premiato con una borsa di studio, la quale gli permetterà di lavorare per 8 settimane all’Università del Quèbec, in Canada, presso il Centro “Énergie Matériaux Télécommunications”.
Tale importante riconoscimento premia, da un lato, le competenze professionali del giovane ingegnere, dall’altro, l’investimento concreto dell’Ordine catanese per il futuro delle nuove generazioni. Il Consiglio provinciale degli Ingegneri co-finanzierà, insieme al Cni (Consiglio Nazionale Ingegneri) e alla Scuola Superiore di Formazione per l’Ingegneria, la borsa di studio che permetterà al giovane professionista – specializzato in Geotecnica – di lavorare oltreoceano per la ricerca scientifica.

«Non possiamo che essere orgogliosi di questo risultato gratificante – ha affermato il presidente dell’Ordine degli ingegneri di Catania Santi Maria Cascone – non solo perché tra i vincitori delle borse di studio figura un giovane iscritto al nostro Albo, ma anche perché molti neo ingegneri catanesi hanno risposto positivamente all’invito, partecipando a quest’iniziativa che offre un’ambiziosa opportunità lavorativa. Con numerosi progetti il Consiglio dell’Ordine ha puntato sulla valorizzazione dei giovani talenti, poiché crediamo davvero che essi siano il motore innovativo per lo sviluppo della professione, del territorio, e quindi della società».

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto