Archivio

“Dai un Calcio al Linfoma”, la partita del cuore tra medici e pazienti dei Reparti di Ematologia catanesi

A cura di Ornella Fichera

Si è disputata sabato 23 maggio 2015, sul campo dell’Istituto “Leonardo da Vinci” di Catania, la seconda edizione di “Dai Un Calcio al Linfoma”, la doppia partita di calcio che ha opposto i Medici ed Pazienti dei Reparti di Ematologia (Adulti e Pediatrici) degli ospedali catanesi.
Un evento calcistico nato con l’obiettivo di unire e trascorrere con spensieratezza un pomeriggio di primavera. Un evento che ha fatto vincere proprio tutti, al di là dei risultati delle partite, e che ha donato sorrisi e soddisfazione a chi ogni giorno lotta con la malattia e a chi ogni giorno fa di tutto per cercare di porre un rimedio ad essa: pazienti “contro” medici, insieme dentro al campo da gioco.
Dismesso il camice, i medici catanesi hanno indossato la casacca granata e sfidato le persone di cui ogni giorno si prendono cura. In campo, fra gli altri: il Prof. Francesco Di Raimondo (Direttore dell’Ematologia del Policlinico di Catania), il Prof. Andrea Di Cataldo e  il Dott. Luca Lo Nigro (Ematologia Pediatrica del Policlinico), il Dott. Ugo Consoli (Direttore dell’Ematologia del Garibaldi di Catania) ed il collega di reparto Dott. Michele Floridia.

Il Prof. Di Raimondo ha sottolineato come «L’empatia fra medici e pazienti può essere utile a sdrammatizzare la gravità delle patologie e contribuisce a rendere l’ambiente più leggero».

Ad aprire la sfida l’incontro fra “Guerrieri” (rappresentativa dei ragazzi in cura presso l’Ematologia Pediatrica del Policlinico) e “A.C. Salute” (figli di medici e infermieri), finito 3 a 6; a seguire, il confronto fra “Gladiatori” (i pazienti seniores) e “Sanitari”, conclusosi 1 a 4.
Ad allestire l’evento è stata la LILT di Catania (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) insieme all’AIPAMM (Associazione Italiana Pazienti con Malattie Mieloproliferative), con il Patrocinio del Comune di Catania e in collaborazione con l’Unità Operativa di Ematologia dell’Ospedale “Garibaldi” e con l’Associazione Italiana Arbitri.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto