Archivio

“Dal circuito madonita alla Catania Etna”: dal 18 al 20 settembre il raduno che celebra i fasti dell’automobilismo siciliano – di Ornella Fichera

Dal 18 al 20 settembre si terrà tra gli autodromi di Pergusa e Nicolosi un prestigioso raduno volto a celebrare i fasti dell’automobilismo siciliano e non solo.
Il raduno – ideato da Scuderia Targa Florio e organizzato da Magam in collaborazione con Comune di Nicolosi, Ente Autodromo di Pergusa, Associazione Città dei Motori, Anciexpo, Rai Isoradio e Polizia di Stato – ha raccolto adesioni da tutta Italia: dal Ferrari Club di Maranello al Cortina Car Club, passando per il circolo auto storiche Panormus che organizza il “Giro di Sicilia”.

«In un momento in cui i contributi pubblici per lo Sport e in particolare per l’automobilismo sono diminuiti – ha dichiarato il direttore dell’Automobil Club di Catania Carlo Sorbello – siamo ben lieti di patrocinare eventi come questo che riportano al centro la passione per i motori e le nostre bellezze paesaggistiche».

L’obiettivo del raduno è quello di riunire professionisti, diportisti e collezionisti per celebrare i fasti dell’automobilismo siciliano, unendo le tradizioni legate alla Targa Florio e alla storica cronoscalata etnea per rilanciare il potenziale attrattivo dei tracciati siciliani.
La manifestazione partirà il 18 settembre a Pergusa, dove i partecipanti potranno guidare nel circuito immerso nella riserva naturale del Lago omonimo.
Sabato 19 la carovana si muoverà alla volta di Nicolosi. Nel pomeriggio Nicolosi ospiterà inoltre l’ultima tappa del tour “Velocità e Lentezza” organizzato in occasione di Expo 2015: alle 17.00 le quattro ruote in concorso partiranno dai “Pini” per il circuito cittadino; alle 18.30 la sfilata “La notte dei motori”, mentre alle 21.00 uno spettacolo serale.
Si proseguirà domenica 20 settembre, alle 9.00, con l’esposizione dei veicoli “Motori in piazza”, mentre alle 11.00 partiranno altre tre manche nel circuito cittadino, concludendo tutto con la premiazione.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto