Cronaca

Dall’astanteria dell’ospedale offriva lavoro in cambio di soldi. Denunciato truffatore

Acireale. Una tecnica ingegnosa che faceva fruttare diverse centinaia di euro per ogni vittima truffata quella “sperimentata” da un pregiudicato di origini lentinesi, F.M. le sue iniziali, che dall’astanteria dell’ospedale di Acireale, dove risultava ricoverato, cercava di avvicinare quanti erano alla sua portata offrendo opportunità di lavoro assumendoli per una fantomatica ditta svizzera denominata “Swiss Made”. Per offrire questo lavoro l’uomo chiedeva in cambio una somma di denaro versata in contanti o in una carta ricaricabile, variabile dai 200 ai 400 euro, teoricamente utile a pagare le spese di vitto e alloggio per gli “assunti”. A quattro delle vittime, per rendere la truffa maggiormente credibile, ha anche acquistato altrettanti biglietti aerei Catania – Zurigo e in una cartella in suo possesso erano presenti sei contratti firmati e quietanzati.

Le vittime dei contratti, rintracciate poi dagli agenti di polizia che hanno portato avanti le indagini, hanno confermato le dinamiche dell’imbroglio querelando il truffatore. Le indagini sono ancora in corso per risalire ad altri eventuali raggiri compiuti dall’uomo a danno di altre vittime.

In alto