Cronaca

Dispersione scolastica, denunciati 24 genitori

Di concerto con le autorità scolastiche e i servizi sociali comunali i Carabinieri della Stazione di Sant’Alfio (CT) hanno passato al setaccio l’intero anno scolastico 2014/2015, analizzando la posizione di tutti gli studenti obbligati per legge alla frequenza. A finire nella maglie della giustizia ben 24 genitori residenti in vari comuni della costa ionica, di cui 8 stranieri, denunciati per inosservanza degli obblighi d’istruzione.  Il grave fenomeno registra una recrudescenza – così come percepito dai Carabinieri nella fase investigativa –  per delle problematiche di natura economica e sociale, dettate in gran parte, dalla scarsa considerazione degli esercenti la patria potestà verso l’istituzione scuola sostituita in molti casi dall’avviamento ad una prima occupazione (magari sottopagata ed in nero) che, di fatto, preclude ai ragazzi la possibilità di  crescere umanamente e culturalmente così da poter scegliere in piena coscienza il loro futuro professionale.

PER RESTARE AGGIORNATI SULLE NOTIZIE SI PUÒ SEGUIRE LA GAZZETTA CATANESE.IT ANCHE SU FACEBOOK, CLICCANDO QUI.

In alto