Archivio

Dotare l’ufficio postale di San Nullo di maggiori servizi

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Un elimina code davanti alla posta di San Nullo per limitare al minimo i disagi dei tanti utenti che ogni giorno si mettono in fila davanti allo sportello di via Sebastiano Catania. Lo chiede il consigliere comunale Sebastiano Anastasi che si fa portavoce delle proteste di decine di persone che ogni giorno devono far fronte a disagi di ogni tipo. Si tratta di una situazione vergognosa che va avanti da almeno 10 anni. Non riusciamo a capire come in un territorio tanto grande, che comprende San Nullo e Trappeto, di oltre 20.000 abitanti abbia solo uno sportello postale con il bancomat spesso guasto o dove è impossibile effettuare il prelievo perché il contante, data la vasta utenza, si esaurisce nel giro di poche ore. Non solo, chi la mattina si volesse mettere in coda per effettuare operazioni agli sportelli deve presentarsi all’ufficio molto tempo prima dell’orario di apertura e, a dispetto di qualsiasi tipo di normativa legata alla privacy, deve scrivere il proprio nome e cognome su una lista “fai da te”, creare degli stessi utenti, all’ingresso dell’edificio. Un espediente dovuto al fatto che nella sede di via Sebastiano Catania manca un normalissimo elimina code. Un servizio basilare che a San Nullo diventa pura utopia con la conseguenza che tanta gente preferisce utilizzare gli sportelli a Cibali o a San Giovanni Galermo. A Trappeto ed a San Nullo mancano ancora tanti servizi necessari alla normale vita quotidiana, con la conseguenza di scatenare vivaci proteste dei cittadini che potrebbero anche non mettere più piede negli uffici postali di via Sebastiano Catania.

SEBASTIANO ANASTASI
CONSIGLIERE COMUNALE “GRANDE CATANIA”

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto