Cronaca

Etna, eruzione con grandi emissioni di cenere. In corso anche uno sciame sismico

Le sale operative dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia stanno registrando, ormai da ore, numerose scosse sismiche di lieve o media intensità con epicentro a piccole profondità nelle zone medio-alte del territorio etneo, sia sul versante settentrionale sia in quello meridionale del vulcano.

Un incremento dei tremori che fa registrare anche una tendenza all’aumento dell’intensità. Nel momento in cui scriviamo, la scossa più importante è quella di 3.9 di Magnitudo, registrata in territorio di Ragalna, alle 12:01. Circa mezz’ora prima l’intensità era di 3.5, registrata in territorio di Linguaglossa. 

Scosse che sono state avvertite dalla popolazione in tutti i comuni etnei, generando apprensione negli abitanti. 

Il fenomeno molto probabilmente è collegato all’attività eruttiva dell’Etna che, proprio nelle ultime ore, si è intensificata. Visibile a grandi distanze, si sta alzando in cielo una grossa nube di cenere proveniente dai crateri sommitali del vulcano. 

Al momento la preoccupazione maggiore interessa l’aeroporto di Catania. La presenza di cenere potrebbe causare il divieto di transito, anche temporaneo, dei voli in partenza e arrivo. Questo in un periodo di grande traffico per lo scalo catanese, che continua a registrare dati in crescita in termini di passeggeri in transito. 

In alto