Cronaca

Forte scossa di terremoto nel catanese, si segnalano danni

I sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia della sala sismica di Roma hanno rilevato, alle 2:34 di questa mattina, una scossa di terremoto di Magnitudo 4.8 ad una profondità di 9 km.

L’epicentro è a 2 km dal centro abitato da Santa Maria di Licodia e Paternò

La scossa è stata sensibilmente avvertita dalla popolazione delle province di Catania, Messina Enna e Siracusa. La gente è stata svegliata in piena notte dal tremore e, in molti comuni etnei, si è riversata in strada. 

Al momento si segnalano danni in numerose abitazioni di Santa Maria di Licodia, Biancavilla, Ragalna, Adrano, Paternò, Belpasso e Bronte. Si tratta di calcinacci riversatisi in strada, muri lineati e balconi pericolanti.

Non si hanno notizie di eventuali danni a persone. Vigili del Fuoco e forze dell’ordine stanno operando per accertare tutti i danni e rispondere a tutte le chiamate.

L’evento è probabilmente collegato allo sciame sismico di lievissima entità che si è registrato negli ultimi giorni in territorio etneo ed in tutta la Sicilia orientale. 

ATTENZIONE: Si è diffusa voce di possibili scosse previste a due ore da quella di 4.8. Non è affatto attendibile alcuna previsione, i terremoti non sono prevedibili. Non è pertanto possibile stabilire se e quando si possano ripresentare nuovi tremori. 

A RaiNews24 il sismologo dell’INGV Alessandro Amato: “Non possiamo prevedere se vi saranno altre forti scosse, probabilmente ve ne saranno di lieve entità. È probabile che vi siano collegamenti con l’attività vulcanica, nelle prossime ore avremo un quadro chiaro.”

Nella mappa le scosse rilevate nell’ultima settimana nella Sicilia orientale. Eccetto quella di 4.8 sono tutte di lieve o lievissima entità

AGGIORNAMENTO: Dopo le dovute elaborazioni l’INGV ha modificato la Magnitudo stimata del terremoto, riducendola da 4.8 a 4.6.  Cambia anche l’epicentro, adesso localizzato ad un km dal centro abitato di Biancavilla.

Si tratta della seconda modifica, inizialmente infatti si era stimata un’intensità della scossa di 5.0 ed un epicentro localizzato a San Pietro Clarenza. 

In alto