Cronaca

Il forte vento mette in ginocchio la Sicilia, ingenti danni nel catanese. Ad Adrano chiuse alcune scuole

Sicilia in ginocchio a causa del forte vento che ieri si è abbattuto in buona parte dei comuni isolani: abitazioni, colture, alberi, cartelloni pubblicitari e pali della pubblica illuminazione hanno subito forti danni ed hanno causato enormi rischi per la pubblica incolumità. Decine gli interventi dei vigili del fuoco e delle associazioni di protezione civile.

Nel comprensorio etneo, tra i comuni più colpiti figurano Paternò, Biancavilla e Adrano. Diverse le tettoie danneggiate che in alcuni casi sono state addirittura sollevate e sbalzate in strada dal vento, cosi come rami di alberi e pali della pubblica illuminazione.

A Paternò tra alberi, cartelloni pubblicitari e pali della pubblica illuminazione c’è anche il caso di un vaso caduto da un balcone che è finito su un’auto parcheggiata sotto. Per fortuna si registrano solo danni alla vettura.

A Biancavilla il sindaco Pippo Glorioso ha invitato la popolazione a non uscire di casa, se non per ragioni strettamente necessarie. Danneggiata anche la tettoia della tribuna dello stadio Orazio Raiti, di recentissima inaugurazione. Nel frattempo le associazioni locali di protezione civile hanno operato senza sosta per limitare i danni ed evitare che anche le persone potessero rimanere coinvolte. 

Ad Adrano i danni più preoccupanti sono quelli che coinvolgono le tettoie del 3° Circolo Didattico (Cappellone) e del plesso Giobbe di via Catania. Al fine di ripristinare la sicurezza il sindaco, Pippo Ferrante, ha ordinato la chiusura delle due scuole per la giornata di lunedì 15 aprile. Danni anche per la tensostruttura comunale che, ieri, si presentava impraticabile prima dell’inizio della gara di basket tra la squadra locale e l’Amatori Messina. L’incontro, valevole come gara 2 dei playoff, è stato rinviato a mercoledì 18 aprile. Non sono mancati infine gli interventi della locale associazione di protezione civile che è intervenuta sotto il coordinamento dell’ufficio comunale: il caso più grave quello di una tettoia danneggiata nel quartiere Monte Rosso che è rimasta penzolante sulla strada. 

Il forte vento ha lasciato i segni del suo passaggio anche a valle dei comuni sopra menzionati: numerose serre, nei pressi del Simeto, hanno subìto danneggiamenti alla copertura causando non poche conseguenze agli agricoltori. Probabile la richiesta del riconoscimento dello stato di calamità. 

 

In alto