Eventi

Giubileo Scout della Misericordia, a Catania migliaia di giovani invadono il centro

IMG_20160228_083701Catania. In occasione della Settimana Internazionale dello Scoutismo, che comprende il giorno del compleanno del fondatore Baden Powell, gli scout Agesci delle zone Catania Liotru, Etna Alto Simeto e Etnea delle Ginestre si sono ritrovati eccezionalmente tutti insieme per festeggiare il “Giubileo Scout della Misericordia”, evento voluto fortemente dall’Arcivescovo di Catania Mons. Salvatore Gristina.

Circa tremila giovani hanno partecipato domenica 28 febbraio alla manifestazione, iniziata con la Santa Messa in Cattedrale e con il passaggio attraverso la Porta Santa. Subito dopo è stato formato un corteo con cui la folla in pantaloncini si è spostata alla Villa Bellini, passando per la via Etnea. Durante questo tragitto gli scout catanesi hanno potuto salutare, affacciato ad un balcone di via Etnea, lo show man Fiorello, presente a Catania per la presentazione del suo spettacolo teatrale.

5Alla Villa Bellini, oltre alle varie attività, è passato a portare il proprio saluto il sindaco Enzo Bianco, accompagnato dall’assessore D’Agata: “Catania ha un grande bisogno dello spirito degli scout e io sono qui per dirvi grazie a nome della città e augurarvi in bocca al lupo”. A conclusione del suo intervento il primo cittadino ha rivolto un appello agli scout, chiedendo il loro aiuto per avere una città più pulita: “Non abbiate paura di tirare la giacca, di urlare contro coloro i quali maltrattano la nostra città, la nostra casa. Quelli che magari dicono che vorrebbero una città pulita ma poi la sporcano, dicono che vorrebbero una città ordinata e poi non rispettano le regole. Fate sentire la vostra voce richiamando quanti sono distratti. Se ci date una mano vi prometto che cercheremo di farvi crescere in una città della quale, ogni giorno di più, possiamo essere orgogliosi”.

Non è mancata la solidarietà, una delle maggiori qualità degli scout. Molti dei gruppi partecipanti hanno donato generi alimentari e indumenti alla Caritas Diocesana, frutto di una raccolta effettuata nelle settimane precedenti l’evento.

In alto